Cinema e cucina, l’Italia raccontata dal Culinary Cinema al Festival di Berlino

Annamaria Serinelli
Print Friendly, PDF & Email

Si parla anche di cibo al 35esimo Festival del Cinema di Berlino 2015, in programma dal 5 al 15 febbraio.
Tra le varie sezioni c’è infatti la Culinary Cinema e ben tre sono i film italiani in gara quest’anno: il film di montaggio “Quando l’Italia mangiava in bianco e nero” di Andrea Gropplero di Troppenburg, “La Ricotta” di Pier Paolo Pasolini dal film collettivo Ro.Go.Pa.G. e “Il segreto di Otello” di Francesco Ranieri Martinotti.

ricotta pasolini“La ricotta” è un minifilm del 1963 che fa parte del progetto ideato dal collettivo Ro.Go.Pa.G., sigla con cui si firmarono i registi Rossellini, Godard, Pasolini e Gregoretti. Il film di Pasolini è incentrato su una troupe intenta a realizzare la Passione di Cristo nelle campagne romane, con protagonista Orson Welles nella parte del regista.
Nel corto seguiamo le vicende di una povera comparsa che passerà dal patire la fame al morire di indigestione issato sulla croce.ricotta pasolini wells

“Quando l’Italia mangiava in bianco e nero” è un documentario prodotto dall’Istituto Luce con materiali di archivio e montato da Andrea Gropplero di Troppenburg nel 1963. quando l'italia mangiava in bianco e nero Totò
Un reportage tra piatti, cucine, tradizioni, testimonianze e gag di personalità dello spettacolo e della cultura dell’epoca che racconta attraverso il cibo i cambiamenti dell’Italia dell’epoca.quando l'italia mangiava in bianco e nero
Infine “Il segreto di Otello” è un documentario dedicato all’omonima trattoria romana, a pochi passi da Piazza di Spagna, luogo di ritrovo di artisti, attori e registi dal dopoguerra agli anni del boom economico.ristorante il segreto di otello documentario
Tra i tavolini della trattoria si incontrava un affiatato gruppo di giovani registi e sceneggiatori quali Scola, Monicelli, Fellini, Pasolini, Maselli, Pontecorvo, Antonioni, Visconti, Scarpelli, Benvenuti, De Bernardi, Solinas, De Sica, Risi, Age, Rossellini, Pirro, Zeffirelli e di attori quali Gassman, Mastroianni, Mangano, Vitti, Sordi, Bosè e molti altri.1421846351374
“Il segreto di Otello” è una docu-intervista che celebra quel periodo storico attraverso le testimonianze di attori, registi, produttori, sceneggiatori e musicisti che ieri e oggi hanno frequentato il locale.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti