Carbonara da chef

Print Friendly, PDF & Email

È la carbonara il piatto simbolo di Roma. Pochi ingredienti, uova, guanciale e pecorino, per un sapore unico e inconfondibile conosciuto e invidiato in tutto il mondo.

Heinz-Beck-Fagotte_2606266a

Fagottelli alla carbonara

Si tratta di un piatto povero e genuino che ha attirato però le attenzioni di grandi chef con rivisitazioni da veri gourmand. Come non menzionare quella del celebre chef stellato della Pergola Heinz Beck che propone i cosiddetti “fagottelli”, raviolioni mantecati con il pecorino per un’esplosione di gusto a ogni boccone. Per il ripieno si usano sei tuorli cotti a bagnomaria per ottenere una specie di crema a cui aggiungere pecorino e un pizzico di pepe. Come tocco finale, un po’ di panna montata per amalgamare bene il tutto.

 

 

 

 

 

 

negativo di carbonara

Negativo di carbonara

Da non perdere anche il “negativo di carbonara” proposto dallo chef Antonello Colonna, un tortello di pasta all’uovo con all’interno uova e un mix di pecorino e parmigiano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

carbonara2

Carbonara di Pipero

Crema di tuorlo, guanciale croccante, spaghetti rigorosamente al dente, pepe: è da provare assolutamente anche la carbonara targata Alessandro Pipero.

 

 

 

 

 

 

 

 

borghese

Carbonara di Borghese

Il segreto della versione di Alessandro Borghese sta nel guanciale tagliato a striscioline da cuocere in una padella antiaderente senza olio o altri condimenti, tre tuorli e un uovo intero a cui aggiungere il pecorino grattugiato e una spolverata di pepe.

 

 

 

 

 

Carbonara di Troiani

Più tradizionale invece la ricetta proposta da Angelo Troiani che usa un uovo a persona. Il procedimento consiste nel far rosolare il guanciale in una padella fino a diventare croccante per poi aggiungere un po’ di acqua e pepe per farlo reidratare. A seguito si sbattono le uova e si unisce il pecorino. A fuoco spento si aggiunge in padella il composto di uovo e pecorino per ottenere una mantecatura.

 

 

 

 

 

 

 

 

Tortello alla carbonara

Grande successo anche per i “tortelli di carbonara” con guanciale affumicato di Sauris del giovane chef Fabio Pecelli. Il ripieno consiste in 500 g di panna, 200 g di pecorino e 300 g di parmigiano. Il tocco in più sta nello “zabaione” da aggiungerci sopra: si ottiene con 5 tuorli, pepe, sale, olio extra vergine di oliva.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


carbonara-roscioliAttenzione assoluta per le materie nel caso di Alessandro Roscioli che propone la sua versione con  spaghettoni, guanciale artigianale, pepe nero malesiano, uova di Paolo Parisi e pecorino romano dop.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Trump a Roma, via al piano sicurezza

Il Questore di Roma Guido Marino sta illustrando, nel corso del tavolo tecnico, l’articolato piano operativo messo a punto in occasione della visita di Stato ...
Vai alla barra degli strumenti