Le città più sicure del mondo

Valerio Zoveralli
Print Friendly, PDF & Email

Tokyo, la capitale del Giappone, è la città più sicura del mondo. New York si piazza decima, Londra diciottesima. Le città italiane incluse nella graduatoria sono Milano e Roma, rispettivamente alle posizioni 26 e 27. Ho Chi Minh, Teheran e Giacarta sono i fanalini di coda. Questo è quanto ha stabilito l’Economist al termine di una laboriosa ricerca per stilare una classifica delle 50 metropoli più sicure del pianeta.

Tokyo

Tokyo

I parametri presi in considerazione sono quaranta e sono distribuiti secondo 4 macro categorie. Il primo è la sicurezza digitale, vale a dire la qualità della sicurezza informatica e la frequenza dei crimini informatici come il furto d’identità. Seconda categoria è la sicurezza sanitaria, che include l’aspettativa di vita e il rapporto tra popolazione e posti letto disponibili. Terzo elemento sono le infrastrutture, che includono la qualità delle strade e il numero di morti provocati dai disastri naturali. Ultimo grande fattore è la sicurezza personale, quindi il tasso di furti e crimini violenti e la risposta che ad essi è in grado di dare la polizia.

Vista di Singapore

Vista di Singapore

Di seguito l’elenco delle prime 20 città della classifica:

  1. Tokyo, Giappone
  2. Singapore
  3. Osaka, Giappone

    Osaka, Giappone.

    Osaka, Giappone.

  4. Stoccolma, Svezia
  5. Amsterdam, Paesi Bassi
  6. Sydney, Australia
  7. Zurigo, Svizzera
  8. Toronto, Canada
  9. Melbourne, Australia

    Melbourne, Australia.

    Melbourne, Australia.

  10. New York, Stati Uniti
  11. Hong Kong
  12. San Francisco, Stati Uniti
  13. Taipei, Taiwan

    Taipei, Taiwan.

    Taipei, Taiwan.

  14. Montreal, Canada
  15. Barcellona, Spagna
  16. Chicago, Stati Uniti
  17. Los Angeles, Stati Uniti

    Downtown, Los Angeles.

    Downtown, la zona centrale di Los Angeles.

  18. Londra, Regno Unito
  19. Washington, Stati Uniti
  20. Francoforte, Germania

    Francoforte

    Francoforte

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti