Roma, Chanel e la nuova boutique di Piazza di Spagna

Valerio Zoveralli
Print Friendly, PDF & Email

Piazza di Spagna, Chanel apre la sua nuova boutique. La celeberrima piazza romana sta assumendo sempre più un ruolo di primo piano nell’ambito dello shopping e del lusso. Ecco quindi che dopo Furla, Casadei, Dior, Sergio Rossi, Dolce&Gabbana, Valentino, Maison Chanel ha deciso di piazzarsi al numero 85 di Piazza di Spagna, andando a realizzare il suo secondo punto vendita nella Capitale dopo quello di Via del Babuino.

fotochanelpds1.jpg.pagespeed.ce.GToWMjagkA

Autore della ristrutturazione è l’archistar Peter Marino, che ha progettato e realizzato una maison disposta su quattro livelli e ha utilizzato materiali decisamente pregiati come i marmi bianchi Thassos alternati a intarsi di ottone e mosaici.

chanel_Roma

  • Al piano inferiore ci sono tre sale in cui è possibile trovare le borse simbolo di Chanel, orologi particolari e soprattutto le calzature di stagione.
  • Al piano terra tre saloni in cui sono in vendita accessori come articoli di pelletteria, foulard, occhiali, altri modelli di borse, fino ad arrivare a ulteriori tipi di orologi e calzature.
  • Salendo una raffinata scala realizzata in marmo bianco si arriva al primo piano, dove trovano posto le sei collezioni pret-a-porter che Karl Lagerfeld disegna ogni anno. Lo stesso piano ospita opere d’arte come le sculture in ceramica di Peter Lane, una tela Camelia di Peter Dayton e un tavolino costruito da Veronique Rivemale.
  • Il secondo piano è stato l’ultimo ad aprire i battenti, a febbraio 2015: si tratta di un salotto con accesso privato riservato solo a pochi clienti e contiene opere molto diversificate, partendo da un camino del XVIII secolo e un salotto stile Luigi XV fino ad arrivare ai tavolini di Michael Pohu e Ingrid Donat.

13_BOUTIQUE_CHANEL_ROME_PHOTOS_OLIVIER_SAILLANT_LD-960x670

 

Potrebbe interessarti anche: https://www.tgtourism.tv/2015/04/a-roma-apre-la-piu-grande-boutique-di-valentino-3301/

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti