Cosa comprare a Roma

Alice Smiroldo
Print Friendly, PDF & Email

Roma è una delle città più visitate al mondo per la storia, l’arte e la cultura che rappresenta, ma non solo. È anche capitale della moda e dello shopping, come attestano i migliaia di negozi sparsi per tutto il territorio.

Le zone più ‘in’ della capitale sono sicuramente quelle centrali: il cosiddetto ‘Tridente’, formato da via del Corso, via di Ripetta e via del Babuino, è il punto centrale dove recarsi per fare shopping e acquistare qualcosa che ci ricordi di essere passati per la città.

Proprio nel Tridente si trovano le boutique delle grandi griffe italiane e non come Valentino, Gucci, Prada, Chanel, Jimmy Choo, Alberta Ferretti, Bulgari.

gucci_via_condotti

 

 

Per gli amanti del design e dell’arredamento, via di Ripetta è la strada che fa al caso vostro, essendo piena di negozi che vendono oggetti vintage provenienti da vari paesi europei.

Un’altra zona ricchissima di negozi per lo shopping è il rione Campo Marzio, che si trova tra il Tridente ed il Pantheon, zona caratterizzata da un flusso turistico certamente minore rispetto alle vie centrali.

Il rione presenta una fusione tra botteghe di antiquari e negozi ultra moderni per accontentare le esigenze dei vari turisti.

Nella zona del Pantheon, oltre agli edifici di altissimo valore storico culturale , si trovano tantissimi negozi e botteghe: una su tutti è una coloreria-belle arti che ha avuto come clienti alcuni degli artisti più apprezzati del ‘900: De Chirico, Morandi, Guttuso e Schifano. Non un punto vendita qualsiasi, ma un luogo in cui gli appassionati di arte e pittura possono incontrarsi e scambiarsi opinioni e consigli.

bottega artigianato

 

Per gli amanti del buon cibo, Roma è una roccaforte di piatti tipici. Se si ha voglia di un buon piatto di pasta, sono assolutamente da provare la carbonara, il cacio e pepe e l’amatriciana, caratteristici di Roma. Per quanto riguarda i secondi piatti, il top sono i saltimbocca alla romana ed i fagioli con le codiche e code alla vaccinara.

carbonara

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti