Alla scoperta di Vaduz nel Liechtenstein

Alice Smiroldo
Print Friendly, PDF & Email
vaduz_castello

 

Il Liechtenstein è uno dei Paesi meno visitati al mondo, probabilmente perché gode di una fama di paradiso fiscale e niente di più. Ma in realtà il principato ha molto da offrire, a partire dalla capitale Vaduz che punta a diventare una meta turistica di spicco.

La cittadina si affaccia sul fiume Reno ed è antichissima: si dice addirittura che fosse abitata dai tempi della preistoria e custodisce edifici e monumenti storici di valore come il Castello, simbolo della città, che svetta dalla cima di una collina.

La fortezza venne commissionata dai conti di Werdenberg intorno al XII secolo, ma venne realizzata intorno alla seconda metà del 1300 e per molto tempo rimase un presidio militare. L’intera cittadina di Vaduz è stata costruita nel tempo attorno al castello.

Il castello di Vaduz (comunemente chiamato Kanzeli) è oggi la residenza ufficiale della famiglia reale del Liechtenstein, perciò non si può visitare l’interno.
Si può raggiungere percorrendo un suggestivo tragitto in mezzo ai boschi; lungo il percorso si trova una piccola cascata che si estende dalla base della fortezza regalando ai visitatori un colpo d’occhio non indifferente.

Scendendo verso la città si trovano edifici importanti come gli Uffici del Governo e il Museo Nazionale. Da non perdere è il Duomo, una cattedrale in stile neo gotico contornato da splendidi giardini. Il Duomo di Vaduz stupisce per l’intensità dei colori delle sue vetrate, che stridono piacevolmente col rigore e la semplicità dell’edificio.

duomo vaduz

Il duomo di Vaduz

 

 

Al di là del valore culturale, Vaduz può vantare la presenza di un centro termale ben organizzato con un rito termale interessante: il thè delle cinque, che permette di gustare infusi provenienti dal Giappone, dalla Cina e dalla Thailandia.
Vaduz è una meta poco conosciuta ma che offre ai suoi visitatori una grande varietà di attrazioni da visitare.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti