10 cose da fare in Giappone

Chiara Arroi
Print Friendly, PDF & Email

1. Dormire in un Riokan

Riokan

Riokan

Forse arrivarci non è proprio comodo, ma il gioco vale la candela. Soggiornare in un Ryokan significa vivere in un’oasi di pace, tra rituali gastronomici, bagni termali e altre seduzioni tipicamente giapponesi. Sono hotel rurali tradizionali giapponesi, situati esclusivamente lungo le strade provinciali del paese e in zone molto appartate, volutamente fuori mano a garantire una maggiore riservatezza e tranquillità. Risalgono a centinaia di anni fa e mantengono ancora intatti elementi tradizionali come i pavimenti formati da tatami, le porte scorrevoli e le rifiniture interne in legno.

 

2. Vedere in Monte Fuji

Monte Fuji

Monte Fuji

 

Con i suoi tremila e 776 metri è la montagna più alta del Giappone, nonché simbolo della nazione. La sua cima è innevata per dieci mesi all’anno e gli shintoisti lo considerano sacro, al punto da ritenere doveroso recarvisi in pellegrinaggio, almeno una volta nella vita.

 

 

 

3. Assistere a un cerimonia del tè

Cerimonia del tè

Cerimonia del tè

Il Cha no yu, un rito sociale e spirituale praticato in Giappone. È l’espressione sintetica degli aspetti fondamentali della cultura giapponese. In quanto tale si è conservata nei secoli e nonostante l’inevitabile commercializzazione, è riuscita a preservare la sua simbologia. È divisa in tre diversi monenti: Kaiseki un pasto leggero consumato prima del tè, Koicha il tè denso, Usucha il tè leggero. Si riserva alle occasioni speciali e dura diverse ore.

 

 

 

4. Visitare i templi di Kyoto

Tempio giapponese

Tempio giapponese

Kyoto ha un incredibile patrimonio culturale, a differenza di altre città giapponesi che hanno perso edifici a causa di invasioni straniere o di guerre. I monumenti storici della città antica sono stati nominati Patrimonio dell’umanità Unesco. 2000 templi buddisti e santuari shintoisti. Spesso adagiati sui colli, sono sicuramente i posti più venerati. Visitare i templi di Kyoto equivale a passeggiare su un percorso naturalistico dove la concretezza e la delicatezza cromatica delle strutture si concilia con la cornice paesaggistica circostante. Il sentiero è spesso connotato da intensi saliscendi, probabilmente come metafora dell’esistenza in un’ottica di accettazione della vita di stampo tao-buddista. Tra i più belli e suggestivi citiamo il tempio buddhista zen di Rokuon-ji e il santuario shintoista di Kamomioya.

 

5. Visitare un autentico giardino giapponese

Giardino giapponese

Giardino giapponese

 

Da vedere assolutamente è il tradizionale giardino che ricrea paesaggi ideali in miniatura, spesso in modo stilizzato. Alcuni sono stati ricreati per il puro piacere estetico, altri per la meditazione. E allora perché non lasciarsi abbracciare dalla meraviglia di un giardino zen con sabbia bianca e roccia, oppure da semplici giardini rustici che ospitano le cerimonie del tè?

 

 

6. Provare sushi e salsa di soia autentici

Piatto di Sushi

Piatto di Sushi

Vietato non assaggiare in Giapponese il piatto forte della cucina giapponese: il sushi. A base di riso e altri ingredienti come pesce, alghe, vegetali e uova. Il suo ripieno crudo, cotto o marinato è giunto ormai sulle nostra tavole e i nostri ristoranti, ma volete mettere il gusto di provarlo nel paese d’origine, preparato secondo la vera e autentica procedura made in Japan?

 

 

 

7. Fare shopping nel quartiere Ginza a Tokyo 

Ginza - Tokyo

Ginza – Tokyo

Ginza è un quartiere della capitale Tokyo. Oltre al famoso mercato del pesce, c’è anche un’area commerciale con negozi di lusso, boutique, ristoranti e caffè. Qui si trovano le ultime tendenze della moda. In breve la Manhattan giapponese. Se si va a Tokyo, poi, da non perdere sono anche i maestosi grattacieli moderni, che tanto sfidano il cielo.

 

 

 

8. Vedere le bellezze di Nara

Nara in Giappone

Nara in Giappone

Conosciuta per i templi e i palazzi testimoni del grande passato del Giappone, Nara è un piccolo centro dell’isola di Honshu, la principale dell’arcipelago. Caratteristici anche i suoi parchi nei quali, oltre alle persone, circolano liberamente numerosi cervi. Il centro storico di Nara è stato nominato dall’Unesco Patrimonio dell’umanità.

 

 

 

9. Provare le vasche termali giapponesi

Onsen giapponese

Onsen giapponese

‘Onsen’ è il nome che i giapponesi danno alle stazioni termali. All’aperto o chiuse, private o pubbliche, generalmente situate in campagna, utilizzano acquee calde provenienti da sorgenti riscaldate geotermicamente. Sono molto frequentate dai giapponesi che optano per la fuga dal caos della città per qualche ora di relax. Ci sono vasche separate per uomini e donne e, solitamente, ci si immerge nudi. Anche se alcuni onsen, per esigenze turistiche, permettono l’uso del costume da bagno.

 

 
10. Visitare il quartiere delle Geisha

Geisha

Geisha

Cosa rara oggi è vedere un’autentica Geisha, la tradizionale artista e intrattenitrice giapponese dedita alla musica, danza, canto e altre arti. Tanto comune tra il 18° e il 19° secolo, oggi il numero è diminuito. Ma se si è fortunati, nel quartiere Gion, di Kyoto, la si può scorgere, avvolta nel suo splendido kimono, con il viso bianco e le labbra dipinte da un rosso vibrante.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti