Maldive, da più di 40 anni una vacanza da sogno

Lorenza Rallo
Print Friendly, PDF & Email

Le Maldive sono una delle mete turistiche più ambite dagli anni ’70. Il turismo rappresenta la prima industria del Paese con una incidenza sul Pil del 20%. La Cina e l’Italia sono i primi due Paesi a costituire il mercato turistico nazionale.
Su ogni atollo che forma l’arcipelago sorge un resort, molto spesso gestito da un’azienda straniera che solitamente impiega del personale non locale e ciò non crea molti benefici alla popolazione.

 

 

1_fua_Mulaka_sun island

L’ isola di Fua Mulaku

L’arcipelago Indiano è composto da 26 atolli e da 1192 isole coralline, di cui un’ottantina adibite a villaggi turistici e la più grande è Fua Mulaku, nell’atollo di Gnaviyani.

2_spiagge

Sabbia bianca e mare turchese caratteristiche delle Maldive

Le isole sono situate lungo la barriera corallina e si distinguono per le spiagge dalla sabbia bianca e finissima e per il profondo mare turchese, un vero e proprio Paradiso terrestre caratterizzato da un clima monsonico.

Gli atolli più belli da visitare

male-la-capitale

Malè, capitale della Repubblica delle Maldive

Atollo di Malé

Nell’Atollo di Malè si trova l’omonima capitale della Repubblica delle Maldive vicino all’equatore .

Malè è la sede amministrativa ed economica del Paese, ed è anche il suo principale porto commerciale.  Sono da visitare l’Independence Square, il centro islamico che contiene la moschea più grande delle isole Maldive, adornata da una cupola dorata e il Sultan Park con il museo nazionale delle Maldive.

malé-moschea

Moschea di Malè

La parte settentrionale e quella meridionale dell ‘atollo comprendo circa 80 isole, separate dal canale di Wadoo largo 4 chilometri e profondo 1800 metri.

L’atollo di Malè è considerato uno degli atolli più belli al mondo, con resort e villaggi da sogno.

Cocoa Island

Cocoa Island

 

Le isole più belle sono:

Fihalhohi Island: nell’atollo di Malè sud, una splendida isola circondata dalla barriera corallina e ricoperta da palme e mangrovie. Un’atmosfera tranquilla in una laguna dalla forma tondeggiante.

Gili Lankanfushi: nell’atollo di Malè nord, isola con una laguna spettacolare, un resort fatto di ville a palafitta in stile maldiviano.

Cocoa Island: nell’atollo di Malè sud, isola affascinante e molto tranquilla con i bungalow direttamente sul  limpido mare color turchese.

L’atollo di Malé ospita inoltre Hulhumale Island, un’isola artificiale raggiungibile in barca dove trovare ristoranti e cafè.

 

 

Atollo di Ari

 

L’atollo di Ari è posto a ovest dell’arcipelago indiano, lungo 89 km comprende 50 isole divise nella parte Nord e Sud.

 

Vakarufalhi

Vakarufalhi

 

Le isole sono circondate da barriere coralline ovali, che hanno la funzione di proteggerle.

Tra le isole più belle figurano:

Vakarufalhi: un’isola dove si respire la vera atmosfera maldiviana circondata dalle caratteristiche spiagge bianche e ricoperta da una ricca vegetazione. Ideale per trascorrere una vacanza a contatto con la natura.

Maayafushi

Maayafushi

 

– Maayafushi: si trova a nord dell’atollo di Ari, una piccola isola a forma di mezza luna in una laguna dalle acque trasparenti ideali per gli appassionati di immersione e per chi pratica lo snorkeling.

Bathala island :una piccola isola nella parte nord dell’atollo di Ari, molto semplice che conserva il tipico stile maldiviano e immersa nel verde.

 

 

Atollo di Baa

 

Il nome originale è Maalhosmadulu South, comprende 13 isole disabitate e 5 resort e dista 105 Km da Male’ ed è possibile raggiungerlo tramite idrovolante.

Soneva Fushi

Soneva Fushi

 

Le isole più importanti sono:

 

 Feyli

Feyli: pareo con righe marroni e nere ai bordi

 

Eydhafushi è la capitale amministrativa dell’Atollo di Baa, famosa per la tessitura del feyli, un pareo da legare in vita con righe marroni e nere ai bordi, usato sia dalle donne che dagli uomini.

Soneva Fushi: una delle isole più grandi delle Maldive, il primo resort di lusso in stile “robinson crusoe”, è molto forte il contatto con la natura tra la folta vegetazione.

Thulhaadhoo: è famosa alle Maldive per le sue ceramiche laccate.

 

Curiosità:

 

maldive-spiaggia-notte

Lo spettacolo della bioluminescenza sulle spiagge delle Maldive

– La Bioluminescenza è uno dei fenomeni notturni che interessa le spiagge delle numerose isole che formano l’arcipelago delle Maldive. Il fenomeno luminoso avviene in prossimità delle rive, lo zooplacton si rimescola con l’ossigeno e reagisce con l’emissione di una luce blu.

– Nel 2009 è partito il progetto Marhe Center promosso dall’Università Bicocca di Milano. La missione ha come obiettivo di monitorare le condizioni della barriera corallina e valutare lo stress dei coralli con tecnologie innovative.

– A Expo 2015, il 19 giugno, si è tenuta una discussione sul turismo di lusso nell’arcipelago dal titolo Maldive, oltre l’atollo per un turismo di conoscenza organizzato dall’Università Bicocca di Milano e dal Touring Club Italiano. Nel cluster dedicato a Isole, mare e cibo, si è discusso su un turismo differente basato sulla cultura e sulle persone che vivono sull’arcipelago.

6_thilafushi

I fumi delle sostanze tossiche che si alzano dall’isola di Tilafushi

 

Tilafushi, isola dell’arcipelago, è stata adibita come discarica dei rifiuti, a causa dell’eccessivo aumento del turismo e alla mancanza di inceneritori. Una collina di 15 metri costituita da rifiuti di ogni genere che cresce giorno per giorno e dalla quale si alzano fumi e sostanze tossiche.

Fonti: www.touringclub.it

 

Potrebbe interessarti anche:

5 ragioni per visitare le Maldive

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti