Paralisi aeroporti in Indonesia

Chiara Arroi
Print Friendly, PDF & Email

Situazione difficile per il trasporto aereo in Indonesia. Cinque aeroporti sono stati chiusi a causa dell’eruzione di due vulcani: il monte Raung e il Gamalama. La paralisi dura ormai da due settimane e, tra chiusure e riaperture, il blocco su cinque aeroporti è ancora attivo.

Colpita soprattutto l‘Isola di Giava, con la chiusura di 4 scali dopo l’eruzione del monte Raung: il Juanda Airport di Surabaya, il secondo scalo più importante dell’Indonesia per il trasporto civile, l’aeroporto Abdul Rachman Saleh di Mulang, lo scalo Noto Hadinegoro di Jember, il Blimbingsari Airport.

Eruzione Monte Gamalama

Eruzione Monte Gamalama

La cenere fuoriuscita dal Gamalama ha causato la chiusura dell’aeroporto internazionale di Ternate, il Sultan Babullah International Airport, nonché l’evacuazione di 1.500 persone dai propri villaggi, costrette a fuggire dalle proprie case.

È stato, invece, riaperto l’aeroporto di Bali, dopo due giorni di chiusura alternata. Qui sembra che la situazione stia tornando alla normalità.

Gli scali sono stati chiusi a causa della cenere emessa dai due vulcani in eruzione, che avrebbe raggiunto, secondo l’agenzia indonesiana per la gestione dei disastri, i 2 mila metri sopra il loro picco, provocando la cancellazione di oltre 250 voli.

Tutto nel periodo più caldo dell’anno, in termini di partenze: i giorni dell’Eid, la festa musulmana che celebra la fine del mese sacro del Ramadan, occasione in cui gli indonesiani affollano i voli interni per fare rientro dalle proprie famiglie.

L’Indonesia, un arcipelago che si sviluppa lungo la sismica “Cintura di fuoco”, una fascia che vede la presenza di 130 vulcani attivi. Migliaia di isole e atolli immersi nell’Oceano Pacifico, con un’intensa attività tellurica e vulcanica. Nella memoria e’ ancora vivo il ricordo del devastante terremoto e del successivo tsunami che hanno colpito la regione nel dicembre 2004, causando centinaia di migliaia di vittime in tutta l’Asia.

La situazione è in evoluzione. Gli scali sono soggetti a continue chiusure e riaperture. Per i viaggiatori diretti verso Bali e gli altri aeroporti indonesiani si consiglia di contattare la propria compagnia aerea, i tour operator o la propria assicurazione di viaggio.

Per aggiornamenti visitare il sito ViaggiareSicuri

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti