Ferran Adrià a Torino. Il primo “ristorante molecolare” in Italia

Print Friendly, PDF & Email
ferran adrià

Lo chef molecolare più apprezzato al mondo apre un nuovo ristorante. Dopo la chiusura dello stellato El Bulli, in Spagna, Ferran Adrià è pronto a lanciarsi in un nuovo progetto, tutto italiano: l’apertura del primo ristorante gourmet all’estero, in quel di Torino per l’esattezza.

Il progetto, multimilionario, nasce dalla collaborazione dello chef con Lavazza, la multinazionale torinese del caffè, pronta a trasferirsi per l’occasione nella Nuvola Verde, l’edificio progettato da Cino Zucchi, nel quartiere Aurora.
Sarà, invece, l’adiacente ex centrale Enel, in Via Bologna, ad ospitare il ristorante stellato. Più esattamente la cosiddetta “Cattedrale“, esempio di archeologia industriale, sarà ristrutturata solo internamente e vedrà al pianterreno la mensa aziendale e al primo piano il ristorante gourmet.

E se al piano terra i dipendenti Lavazza, i torinesi e i turisti potranno assaggiare piatti dal sapore semplice ma di qualità, al piano superiore sarà possibile provare la cucina stellata di Ferran e suo fratello Albert. Le linee guida saranno quelle alla base del modello catalano di un altro bistrot di proprietà dello chef, Tickets, a Barcellona. Ad eseguirle un team composto da giovani e talentuosi chef, ma anche da studenti provenienti da tutto il mondo.

L’apertura del locale è prevista tra la fine del 2016 e gli inizi del 2017.

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti