Hayez: l’autore del Bacio a Milano

Print Friendly, PDF & Email
il bacio hayez 1867

A più di trent’anni dall’importante rassegna milanese, Hayez ritorna a Milano, fino al 21 febbraio, in una mostra a Le Gallerie d’Italia (Piazza Scala).

Hayez (Venezia 1791 – Milano 1882) è considerato uno dei maggiori artisti del Romanticismo e la mostra rappresenta la più completa e aggiornata esposizione monografica sull’artista. Più di 100 opere, tra dipinti e affreschi, che sottolineano la straordinaria padronanza dello stile e della tecnica di Hayez, maestro di diversi generi.

Il percorso della mostra si articola in maniera cronologica e segna le fasi della formazione artistica di Hayez avvenuta tra Venezia e Roma, nell’ambito Neoclassico, e a Milano con la sua affermazione nel movimento Romantico.

Il bacio, 1859

Il bacio, 1859

Nelle diverse sezioni della mostra emergono i temi più cari ad Hayez: della malinconia, della meditazione e delle inquietudini del Risorgimento, epoca in cui con Giuseppe Verdi e Alessandro Manzoni, ha contribuito a costruire l’unità culturale del nostro Paese. Sino ad arrivare al celeberrimo Bacio, dipinto-icona fra i più riprodotti dell’intera storia dell’arte.

Autoritratto a cinquantasette anni hayez

Autoritratto a cinquantasette anni, 1848

La sequenza delle opere riflette anche le vicende biografiche dell’artista, esperienze di vita e d’arte di un autore in costante rinnovamento, capace di rielaborare continuamente i temi iconografici prediletti. Hayez si rappresenta in numerosi autoritratti o inserisce la sua immagine all’interno di quadri storici, per prestarsi a una partecipazione diretta delle vicende “narrate”.

Hayez si è dedicato con molta maestria a diversi generi come:
– la pittura storica

Maria Stuarda nel momento che sale al patibolo, 1827

Maria Stuarda nel momento che sale al patibolo (1827)

– il ritratto

hayez Ritratto di Alessandro Manzoni (1841)

Ritratto di Alessandro Manzoni (1841)

– la mitologia e la pittura sacra

il martirio di San Bartolomeo hayez

Il martirio di San Bartolomeo (1856)

– l’orientalismo

Odalisca, 1839 hayez

Odalisca, 1839

– il nudo femminile

Venere che scherza con due colombe (Ritratto della ballerina Carlotta Chabert), 1830

Venere che scherza con due colombe (Ritratto della ballerina Carlotta Chabert), 1830

declinato in una potente sensualità che lo rende unico nel panorama del Romanticismo italiano ed europeo.

Questa mostra rappresenta l’occasione per la riconsiderazione e la rivalutazione della cultura figurativa del Romanticismo, grazie all’approfondimento degli studi sul pittore e alla conoscenza di nuovi materiali. Si potranno infatti ammirare dipinti mai visti o non più esposti dall’Ottocento. Tra questi, dieci lunette che facevano parte di un ciclo di affreschi realizzati nel 1819 per decorare l’ufficio della Borsa di Venezia, che si trovava allora al pianterreno del Palazzo Ducale.

In occasione di HAYEZ, le Gallerie d’Italia propongono per la prima volta un innovativo sistema di videoguide multimediali su tablet, realizzate da Meet Museum in collaborazione con Yottacle, start-up che propone nuove soluzioni di visita museale. Il supporto, fornito gratuitamente con l’acquisto del biglietto, consente al visitatore di effettuare in modo autonomo il percorso espositivo, come fosse accompagnato dal curatore e scoprire con i propri occhi le opere dal vivo.

Dall’8 novembre 2015 al 21 febbraio 2016 le Gallerie d’Italia – Piazza Scala, in una nuova collaborazione con Fondazione Cineteca Italiana, presentano una rassegna cinematografica legata alla mostra Hayez. Lo spettatore potrà, naturalmente, legare l’emozione sospesa de Il bacio al tableau vivant di Senso oppure riaprire cinematograficamente il volume dei Promessi sposi dopo aver apprezzato il celeberrimo ritratto manzoniano; o confrontare il Ritratto di Cristina Belgioioso Trivulzio su tela con la sua trasposizione su grande schermo panoramico in Noi credevamo, così da abbinare, a ciascuna pellicola, un’opera pittorica.

Curiosità

Scatola Baci Perugina

Scatola Baci Perugina

Il celebre cioccolatino Bacio Perugina ha un esplicito riferimento a un altro Bacio, il celebre dipinto di Hayez. Federico Seneca, si è ispirato al dipinto di Hayez per ideare la scatola blu e argento raffigurante la coppia che si bacia sotto una pioggia di stelle.

Informazioni mostra
Gallerie d’Italia – Piazza della Scala 6, Milano
Apertura
chiuso lunedì; dal martedì alla domenica, ore 9.30 – 19.30, giovedì ore 9.30 – 22.30
Informazioni
numero verde 800167619; info@gallerieditalia.com; www.gallerieditalia.com
Biglietto
intero 10 euro, ridotto 8 euro, ridottissimo 5 euro.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti