È Beatles Mania, a Londra come in India

Print Friendly, PDF & Email
beatles

Non c’è turista, in viaggio a Londra, che non si faccia scattare una foto mentre attraversa l’ormai celebre Abbey Road, passando per i luoghi che più hanno segnato la carriera e la vita dei “Fab Four”: dagli studios agli appartamenti in cui Paul McCartney, John Lennon, George Harrison e Ringo Starr hanno vissuto e scritto canzoni, fino al classico giretto per gli store tematici.

Dalla casa che ha ispirato I want to hold your hand alla piccola galleria d’arte dove Lennon conobbe la sua futura sposa Joko Ono, passando per Savile Row, dove i Beatles si esibirono nell’ultimo concerto, fino al London Beatles Store, accanto a un altro luogo di culto, la Casa Museo di Sherlock Holmes, in Baker Street. Il negozio, perfetto per i più maniaci, vende di tutto: dai gadgets blasonati agli album autografati, non proprio alla portata di tutti.

Da Londra a Rishikesh.

Non c’è fan che si rispetti, in viaggio per l’India, che non abbia pensato ed effettivamente fatto visita al rifugio spirituale nella periferia di Rishikesh, ai piedi dell’Himalaya, dove la band si recò, nel 1968, per frequentare un corso di meditazione tenuto dall’allora celebre guru Maharishi Mahesh Yogi.

L’ashram, ufficialmente noto come International Academy of Meditation, abbandonato a se stesso e in rovina dagli anni ’70, sarà accessibile al pubblico a partire da martedì 15 dicembre, pagando un biglietto di 9$.
L’intento è quello di farne un luogo di attrazione turistica ufficialmente riconosciuto. Fino ad oggi, infatti, nonostante fosse off limits, in quanto nel bel mezzo della riserva delle tigri del Rajaji National Park, ha attratto regolarmente migliaia di fan.

Segno del passaggio clandestino di visitatori, veri cultori della band, quella che è ormai una delle maggiori attrazioni per chi passa di qua: i graffiti in stile pop art, raffiguranti i “Fantastici Quattro”, dipinti sui muri delle sale di meditazione proprio dai fan del gruppo inglese.

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

beatles

Vai alla barra degli strumenti