Italiani in vacanza per il Ponte, più di 6 milioni in viaggio

Print Friendly, PDF & Email

Le buone notizie per il ponte dell’8 dicembre sono arrivate. Gli italiani non rinunciano a partire. Saranno oltre 6,1 milioni gli italiani in viaggio nei prossimi giorni, a dormire almeno 1 notte fuori casa per turismo, segnando un +12,9 per cento rispetto allo scorso anno, quando a partire erano stati 5,4 milioni del 2014.

È quanto emerge da un’indagine di Federalberghi sulle previsioni di viaggio della popolazione italiana nei giorni dell’Immacolata. La maggioranza, circa 6 milioni, ha scelto di restare in Italia, mentre il 2,1 per cento andrà all’estero.

Le località più gettonate sono quelle montane, preferite dal 36 per cento, pari a 2,2 milioni dei viaggiatori in partenza. Poi le città d’arte scelte dal 31, 8 per cento. Circa 742 mila italiani (o 2,1 per cento) si muoverà in direzione mare.

È un segnale di inequivocabile voglia di reagire al clima di terrore che aleggia nel mondo intero quello che emerge dai dati previsionali sui consumi turistici degli italiani per il ‘ponte’ vacanziero dell’8 dicembre”, commenta Bernabò Bocca, presidente della Federazione degli albergatori.

E i dati sembrano confermare che nonostante il livello massimo di allerta terrorismo e la particolare situazione economica internazionale, la popolazione italiana sembra non voler rinunciare ad un po’ di riposo e relax pre-natalizi, complici il calendario favorevole e il clima favorevole che regala cieli sgombri da nuvole per tutto il ponte.
La spesa media pro-capite comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti, si attesterà sui 267 Euro (rispetto ai 262 Euro del 2014, per un +1,9%), per un giro d’affari di circa 1, 6 miliardi, rispetto agli 1,4 miliardi dello scorso anno. Un buon 14,3 per cento in più.

Chi resterà in Italia sborserà circa 261 euro, la spesa di chi andrà all’estero, invece, si attesterà sui 693 euro. Tutto per una durata media del soggiorno di 2,6 notti trascorse fuori casa.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti