Natale, effetto Parigi spinge 64 per cento italiani in vacanza al caldo

Print Friendly, PDF & Email

L’effetto Parigi del 13 novembre c’è stato e ha fatto crescere l’insicurezza tra turisti e viaggiatori in tutta Europa, ma gli italiani non intendono rinunciare ai viaggi di Natale e Capodanno. Anzi, il viaggio sembra diventare un modo per recuperare la tranquillità. Lo sostiene SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato la formula dei viaggi e delle crociere di gruppo per single, secondo cui i viaggi di Natale e Capodanno sono addirittura in crescita, con un +18% rispetto al 2014.

Per recuperare la serenità, la maggior parte dei vacanzieri predilige mete come i Caraibi e le isole che offrono il maggior grado di sicurezza, come Zanzibar, dove SpeedVacanze.it propone un capodanno su spiagge bianche e sconfinate dove rilassarsi e recuperare la tranquillità.Per queste festività, valigia alla mano, il 64% degli italiani si concederà una vacanza di almeno 5 giorni, già a partire dall’inizio di dicembre. In cima alla lista delle preferenze mete esotiche (32%), crociere (27%) e destinazioni in Italia (26%), mentre a scegliere le capitali europee è il 10%.

É quanto emerge da un sondaggio di SpeedVacanze.it, il portale specializzato in viaggi per single, secondo questo sondaggio realizzato su un campione di 2.000 persone di entrambi i sessi, vi sono proprio le mete esotiche, scelte dal 32% del campione. «Tutte le nostre proposte stanno registrando un boom di prenotazioni, ma i viaggi più richiesti sono quelli che consentono di fuggire dall’inverno e ritrovare l’atmosfera dell’estate, a prezzi competitivi» puntualizza Giuseppe Gambardella, ideatore di SpeedVacanze.it.

Secondo SpeedVacanze.it, c’è anche chi si sente più sicuro rimanendo in Italia scegliendo mete italiane in campagna o sulla neve, dalla Toscana a Canazei, destinazioni che quest’anno conquistano il 26% delle preferenze, con una gamma molto ampia di scelte lungo i tratti più suggestivi della Penisola.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti