Viaggio di nozze, si parte! Perù – Cile – Isola di Pasqua

Print Friendly, PDF & Email

Tradizionale, esotico o alternativo? Un’unica verità: il viaggio di nozze lascia il segno!

 

Itinerario Perù – Cile – Isola di Pasqua

Quale momento migliore per visitare terre lontane e luoghi affascinanti?
Il viaggio di nozze è un’occasione unica per potersi recare in località da sogno e fare un’esperienza indimenticabile, con lo scopo di ricordarla per sempre.

Perù - Cile - Isola di Pasqua

Perù – Cile – Isola di Pasqua

Perù – Cile – Isola di Pasqua:

sono le mete principali di un viaggio di nozze, indicato per chi ha voglia di vivere una luna di miele all’insegna del mistero e della scoperta. Così da essere catturati dal fascino di questa terra mistica che è il Sudamerica, ed esplorare nuove terre da Machu Picchu all’Isola di Pasqua.

PERÙ

La prima tappa di questo viaggio di nozze è il Perù, culla delle più antiche civiltà del mondo, come Norte Chico e dell’Impero Inca, lo Stato più grande dell’America precolombiana. In questi luoghi, dove è possibile viaggiare attraverso il tempo e conoscere il patrimonio culturale di questo paese, le diverse popolazioni hanno saputo vivere in armonia con la natura.

Curiosità: Sul territorio peruviano sono presenti anche le enigmatiche linee di Nazca, geoglifi che aumentano il mistero che caratterizza queste terre. Le famose linee sono delle incisioni tracciate sul terreno e si trovano nel deserto di Nazca, un altopiano arido che si estende per una ottantina di chilometri tra le città di Nazca e di Palpa. Oltre 13.000 linee che formano più di 800 disegni di profili stilizzati di animali comuni nell’area, come: la balena, il pappagallo, la lucertola lunga più di 180 metri, il colibrì, il condor e l’enorme ragno lungo circa 45 metri).

Molte le ipotesi fatte sulla nascita di queste linee, ma quella più accreditata e realistica circa la loro costruzione induce a pensare che gli antichi peruviani abbiano dapprima realizzato disegni in scala ridotta che sarebbero stati successivamente riportati (ingranditi) sul terreno con l’aiuto di un opportuno reticolato di corde (in maniera simile a come fece Gutzon Borglum, l’artista che scolpì i volti dei Presidenti statunitensi sul monte Rushmore). Quest’ipotesi sarebbe avvalorata anche dai reperti archeologici rinvenuti da Reindel e Isla durante i loro studi. Le linee hanno conservato la loro forma originaria nei secoli  perché la zona è una delle più aride del mondo e quasi del tutto priva di vento e pioggia.
Alcune delle linee di Nazca compaiono nel film Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo e in alcuni capitoli della serie di Assassin’s Creed.

Dove andare

LIMA. La città di Lima è stata fondata da Francisco Pizarro nel 1535 con il nome di Ciudad de los Reyes, ovvero Città dei Re. Nel 1988 il suo centro storico è stato riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità, grazie anche ai suoi famosi balconi in legno.
La città, per gli amanti dell’arte e del relax, è famosa in tutto il mondo perché caratterizza da importanti siti archeologici e musei con grandi opere d’arte, ma anche da lunghe spiagge e riserve naturali.

Da non perdere:

Piazza Maggiore di Lima.La piazza rappresenta il centro dell’antica città coloniale e comprende nel suo perimetro altre bellezze che caratterizzano questa splendida città, come:
La Cattedrale di Lima: custodisce veri e propri gioielli storici, diversi altari e i resti di Francisco Pizarro. Dalla cattedrale è possibile accedere al Museo di Arte Sacra, dove è conservata un’importante collezione di tele, sculture, calici e casule.
Il Palazzo del Governo: residenza di Francisco Pizarro, che dispone di numerosi cortili e saloni dedicati a personaggi illustri della storia peruviana. Tutti i giorni alle 11:45, il Patio de Honor è teatro del cambio della guardia del glorioso Battaglione degli Ussari di Junín.
Al centro della piazza si trova una fontana in bronzo del XVII secolo.

Convento di San Francisco. Tra i luoghi più emblematici della città di Lima. Il complesso architettonico risale al XVII secolo, e comprende la chiesa, il convento e la piazzetta. Peculiarità della chiesa è la facciata principale in pietra e le sue colonne corinzie. Al suo interno è possibile visitare le catacombe (gallerie sotterranee) utilizzate come cimitero durante la colonia.

Huaca Pucllana. Le rovine di Huaca Pucllana sono delle rovine risalenti alla civiltà Inca, e si trovano nel cuore del quartiere Miraflores. Nel V secolo rappresentava il centro cerimoniale della città di Lima ed è costituito da una grande piramide alta 23 metri.

Parco dell'amore (Lima)

Parco dell’amore (Lima)

Curiosità: Nella città di Lima è presente anche il Parco dell’amore: un’idea romantica per chi è in luna di miele, un luogo unico da visitare insieme alla persona che si ama. Ottimo per chi ha voglia di trascorre una giornata all’insegna del romanticismo e in pieno relax, si tratta di un parco situato nel distretto di Miraflores, dove si possono trovare diverse attrazioni turistiche, come centri commerciali, parchi e ristoranti.

MACHU PICCHU. Il sito archeologico inca si trova nella valle dell’Urubamba all’interno della regione Cuzco, considerata anche l’ombelico del mondo, grazie ai suoi splendidi panorami e paesaggi, come la Valle Sacra.

A Machu Picchu è tangibile l’aria di mistero che avvolge questo luogo magico, che conserva i resti di un’antica e fascinosa città perduta, costruita dall’imperatore inca Pachacútec intorno all’anno 1440 e abitata fino alla conquista spagnola del 1532. Attraversare questo luogo è come ritornare indietro nel tempo e passeggiare sulla storia e tra la natura incontaminata. Un’esperienza davvero unica per chi ama l’archeologia e gli enigmi del passato, ma anche per chi ama fare trekking e lunghe passeggiate circondati dalla natura incontaminata della foresta amazzonica.
Il sito nel 2007 è stato dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’umanità, ed è considerato anche una delle Sette Meraviglie del Mondo moderno.

Come arrivare: Per raggiungere Machu Picchu è necessario arrivare nella città di Cuzco, da lì parte uno speciale Orient Express delle Ande, il famoso Inkatrain, che porta fino alla valle dell’Urubamba, dove il trova il famosissimo sito archeologico.

Curiosità: non molto lontano da Machu Picchu è possibile vivere un’esperienza di soggiorno unica nel suo genere presso l’hotel Inkaterra a Tambopata. Lì è possibile dormire sospesi a 30 metri d’altezza in una caratteristica casa sull’albero immersa nella splendida foresta amazzonica circostante.

Informazioni utili: A causa dell’alto numero di visitatori, è in corso il progetto di aprire una nuova via d’accesso al sito, a partire da maggio 2016. Si tratta di un percorso, lungo circa 98 metri, costruito sopra le mura in pietra che circondano il sito. La nuova struttura seguirà l’andamento del terreno e sarà coperta da una tettoia in legno, progettata per mimetizzarsi con l’ambiente e rimboschita con la vegetazione tipica del luogo.
A causa dei lavori di restauro, l’ingresso ai turisti sarà temporaneamente sospeso nei settori compresi tra la montagna di Wayna Picchu (dal 1° al 15 aprile 2016) e la montagna di Machu Picchu (dal 16 al 30 aprile 2016).
Non sarà possibile, per quel periodo, comprare i biglietti online, ma si potrà accedere regolarmente nella Città Inca di Machu Picchu e negli altri settori, come il Ponte Inca e Intipunku.

AREQUIPA. È la seconda città più popolata e tra le più belle del Perù, adagiata tra la costa e la sierra sud del Perù fino alle Ande, caratterizzata da sillar (pietra bianca), ghiacciai, vulcani come il Misti, profondi canyon come il Cotahuasi e il Colca e diverse spiagge e calette.

Da non perdere:

Plaza de Armas. Situata nel centro storico della città, riconosciuto anche come patrimonio dell’umanità, è tra le più belle e affascinanti piazze del Perù. Lì si trova la Cattedrale della città di Arequipa, uno dei primi monumenti religiosi del XVII secolo nella città. La cattedrale, costruita in stile neoclassico, è costituita dalla famosa pietra di origine vulcanica denominata sillar e al suo interno custodisce oggetti di valore inestimabile come un pulpito portato da Lille – Francia, e un monumentale organo belga di 15 metri di altezza.

Canyon di Colca. Il Canyon del Colca è un’immensa valle composta da numerose terrazze del periodo precolombiano e un fiume che scorre ad una profondità di 3140 metri. Un meravilgioso paesaggio altoandino, da quale poter ammirare la valle dei vulcani circondata da incredibili paesaggi naturali.

Vulcano Misti. El Misti è lo stratovulcano alto 5822 m, vicino la città di Arequipa, la cui ultima eruzione è stata registrata nel 1784. Durante alcuni scavi del 1998, sono stati ritrovati, vicino al cratere interno, sei mummie e alcuni reperti risalenti alla civiltà inca.

UTILITY 

• Come arrivare: Dall’Italia è possibile raggiungere la città di Lima, dall’aeroporto di Roma Fiumicino con scalo a Madrid. Il volo ha una durata media di circa 17 ore.
• Fuso orario: -6h rispetto all’Italia; -7h quando in Italia vige l’ora legale.
• Lingue: Spagnolo. Nelle regioni dell’entroterra le popolazioni parlano il quechua; nelle regioni del sud (fra cui nel Dipartimento di Puno), si parla l’aymara.
• Religione: In prevalenza cattolica.
• Moneta: Nuevo Sol (PEN).
• Telefonia: Prefisso telefonico dall’Italia: 0051 (seguito da 1 per Lima e Callao). Prefisso telefonico per l’Italia: 0039
• Assistenza sanitaria: Le strutture ospedaliere pubbliche (compreso il pronto soccorso) sono generalmente carenti sia per personale specializzato che per mancanza di attrezzature efficienti. Le cliniche e i centri sanitari privati presentano, al contrario, un buon livello sia di apparecchiature mediche che di personale specializzato. I costi sono tuttavia elevati. Si consiglia quindi vivamente di munirsi di assicurazione di viaggio prima della partenza.
Le condizioni igienico-sanitarie del Paese richiedono di adottare precauzioni per evitare disturbi intestinali e malattie quali l’epatite (A), la dissenteria, il tifo. La reperibilità dei farmaci è buona, anche se si registra, nonostante gli sforzi di repressione delle Autorità locali, una certa incontrollata diffusione sul mercato di farmaci adulterati e falsificati.
• Documenti e restrizioni doganali: Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo nel Paese. Le Autorità di frontiera potrebbero chiedere di esibire il passaporto nonché il biglietto di andata e ritorno. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Visto d’ingresso: non necessario fino a183 giorni di permanenza nel Paese. Vaccinazioni obbligatorie: nessuna. Formalità valutarie e doganali: non esistono restrizioni valutarie all’ingresso nel Paese. L’Euro viene cambiato solo in alcune filiali bancarie, anche se il cambio non è favorevole. Il Dollaro USA è valuta corrente anche per le transazioni commerciali e viene accettato quasi ovunque. Si consiglia di effettuare i cambi esclusivamente nelle banche o nelle agenzie di cambio, al fine di evitare il rischio di ricevere banconote false dai cambisti ambulanti.
• Patenti: Italiana (per un periodo di permanenza fino a 6 mesi). È riconosciuta la patente internazionale conforme alle convenzioni di Ginevra 1949 e di Vienna 1968.
• Norme di guida: senso di marcia, guida a destra, sorpasso a sinistra. La precedenza deve essere data ai veicoli provenienti da destra. Il traffico che si immette in una rotatoria deve dare la precedenza ai veicoli che già vi transitano. L’uso del clacson è vietato nei centri abitati, salvo in casi di emergenza.
• Clima: in Perù si registrano diverse condizioni climatiche, che corrispondono alle tre aree geografiche che la caratterizzano:
– nel deserto della costa, si verificano piogge scarse e temperature abbastanza elevate;
– nella zona montana, si registrano temperature miti e clima secco da aprile a novembre mentre da dicembre a marzo la minima è più elevata e sono possibili delle piogge.
– nella selva amazzonica il clima è tropicale, caratterizzato da caldo-umido.

CILE

Il Cile si trova in una posizione geografica strategica, tra le Ande e l’Oceano Pacifico, con una lunga costa che si estende per 4300 km, dai ghiacciai della Patagonia fino al Tropico del Capricorno.

Dove andare

SANTIAGO DEL CILE. La capitale, posta al centro dello Stato, si trova nella valle posta tra la Cordigliera delle Ande e la Cordigliera della costa. La città è ricca di attrattive e una volta arrivati in Cile, non si può non visitarla. Da vedere: Il Mercado Central, Plaza de Armas e il Paseo Ahumada, isola pedonale e luogo di ritrovo per artisti e venditori ambulanti.
È assolutamente da visitare anche il parco del Cerro San Cristobal, sulla sommità della collina è posta la statua della Vergine Maria che protegge la città, da questo punto si può ammirare la Piazza Andrès Bello.

ATACAMA. La regione di Atacama si trova a nord del Cile, ed è caratterizzata dal progressivo mutamento della vegetazione, che va dalle fitte e rigogliose foreste della Valle Central, attraverso la pampa, fino ai deserti più aridi. Di particolare interesse è il Deserto di Atacama, considerato il deserto più asciutto del mondo, tanto che è è 50 volte più arido della Death Valley della California. Al suo interno si trova la famosa Valle della Luna, non troppo lontano dalla città di San Pedro de Atacama.

Lago Chungarà (Cile)

Lago Chungarà (Cile)

LAUCA NATIONAL PARK. Posizionato a nord del Cile è uno dei parchi nazionali più famosi dello stato, ed è un luogo assolutamente da visitare. Nell’area del parco si trova anche lo spettacolare Lago Chungarà, il più alto del mondo, a 4570 metri d’altezza, circondato dai vulcani Parinacota e Pomerape, che si trovano sul confine con la Bolivia.

UTILITY

•Come arrivare: Dall’Aeroporto Internazionale Jorge Chávez, a 40 minuti dalla città di Lima, partono voli diretti per l’aeroporto Santiago Arturo Merino Benitez di Santiago del Cile. Ogni volo ha una durata media di 3 ore.
•Fuso orario: tra settembre e aprile è in vigore l’ora legale locale. Durante tale periodo la differenza oraria con l’Italia è di -4h; 6h quando in Italia vige l’ora legale, -5h nel resto dell’anno.
•Lingue: spagnolo.
•Religione: cattolica, evangelica.
•Moneta: Peso cileno (CLP).
•Telefonia: Prefisso per l’Italia: + 39 (se si effettuano chiamate da un’utenza cilena verso l’estero e’ necessario premettere al prefisso il numero di “Carrier”). Prefisso dall’Italia: + 56.
•Assistenza sanitaria: I costi delle cure mediche in Cile sono particolarmente elevati ed i turisti sono tenuti al pagamento anche delle prestazioni di primo soccorso e di emergenza. E’ pertanto vivamente sconsigliato recarsi nel paese senza aver previamente stipulato una polizza di un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario d’emergenza o il trasferimento in altro Paese. La qualità delle strutture sanitarie pubbliche non è paragonabile al livello europeo in nessuna parte del Paese. Le strutture sanitarie private nell’area di Santiago (regione Metropolitana) e nella V Regione (Viña del Mar e Valparaíso) sono di ottimo livello ma con costi elevati. Nelle città di Temuco, Valdivia, Puerto Montt, Antofagasta, Arica e La Serena sono discrete. Nel resto del Paese sono di basso livello.
•Documenti e restrizioni doganali: PASSAPORTO: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. VISTO D’ INGRESSO: non necessario, per turismo fino a tre mesi (90 giorni) di permanenza nel Paese. Si raccomanda di fare attenzione a non smarrire la copia del foglietto di immigrazione compilato all’atto di ingresso nel Paese, necessario per l’uscita dal Cile. In caso di furto occorre denunciarlo immediatamente. CONTROLLI FITOSANITARI ALLE FRONTIERE: al momento dell’ingresso nel Paese viene richiesto ai viaggiatori di compilare un modulo nel quale si dichiara l’eventuale presenza di frutta, miele, prodotti di origine vegetale (tra cui manufatti in legno) o animale (formaggi, insaccati, ecc.) ed altro.
•Patenti: i turisti possono guidare utilizzando la patente italiana o la patente internazionale. In caso di residenza in Cile la patente italiana non può essere più utilizzata ed e’ necessario rivolgersi alla Dirección de Transito della Municipalidad nella quale si risiede per ottenere la patente cilena. Non esistendo accordi bilaterali in materia tra Italia e Cile, sarà necessario sostenere nuovamente l’esame teorico e pratico di guida e sottoporsi ai controlli medici.
•Clima: al nord clima tropicale ed arido; nella zona desertica si registrano forti sbalzi di temperatura tra il giorno e la notte. Al centro il clima è di tipo mediterraneo. Al sud è di tipo continentale con temperature medie di + 12° C. Nella Patagonia cilena (estremo sud) il clima è freddo con temperature minime che variano tra – 15º C e + 5º C. Le variazioni di temperatura possono essere repentine in tutto il Paese. Si consiglia pertanto ai visitatori di portare sempre con sé, anche nel nord desertico, abbigliamento adeguato al freddo.

Isola di Pasqua

L’Isola di Pasqua è la meta cool di questo viaggio di nozze all’insegna del mistero, la ciliegina sulla torta che conferisce alla luna di miele un valore aggiunto.

Il suo nome in lingua nativa è Rapa Nui, che significa “grande isola/roccia”, è l’isola più remota della terra, ricca di leggende e misteri legati principalmente ai Moai, busti monolitici alti tra i 2,5 e i 10 metri e sparsi per l’intera isola, se ne contano circa 638. Lo scopo di queste enormi statue non è del tutto certo, anche se l’ipotesi più avvalorata è quella che vede le statue rappresentare capi tribù morti. Secondo le credenze popolari i moai permettevano di mantenere un contatto tra il mondo dei morti e quello dei vivi.

Il territorio dell’isola si compone di quattro vulcani: Poike, Rano Kau, Rano Raraku e Terevaka. Le origini vulcaniche dell’isola hanno fatto sì che questa disponga di un numero considerevole di grotte. Queste ultime, formatesi durante la fase finale delle eruzioni.

L’isola di Pasqua, nonostante le dimensioni ridotte, vanta nella sua aria insulare un vasto numero di alberghi e resort. Il costo della vita sull’isola, tuttavia, risulta comunque più elevato rispetto a quello sulla terra ferma in Cile, a causa dell’importazione delle materie prime.

Curiosità: nel 1994 è stato girato un film ambientato sull’Isola di Pasqua nel periodo antecedente la colonizzazione europea, dal titolo Rapa Nui, diretto dal regista Kevin Reynolds.

UTILITY

Come arrivare: È possibile raggiungere l’isola di Pasqua esclusivamente dal Cile, con la compagnia aerea LAN Airlines dall’aeroporto Santiago Arturo Merino Benitez (Santiago del Cile). La durata media del volo è di circa 5 ore.
Clima: il clima è subtropicale con una temperatura media di 20°C. I mesi più freddi dell’anno sono luglio e agosto mentre le maggiori precipitazioni si registrano durante il mese di maggio.

 

 

Per maggiori informazioni: www.viaggiaresicuri.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti