Ricette di mele, un’eccellenza italiana nella Val di Non

Print Friendly, PDF & Email
mele

Un Nome, una Garanzia

Un’eccellenza italiana che nasce nella Val di Non, in Trentino. In un’area a nord-ovest della provincia di Trento, tra i 450 e i 900 metri di altitudine, là dove le particolari condizioni climatiche ne fanno il luogo ideale per la coltivazione. Le mele D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta) della regione sono le uniche varietà italiane (Golden Delicious, Red Delicious e Renetta Canada) ad essersi guadagnate, nel 2003, il prestigioso riconoscimento dell’Unione Europea. E uno dei sapori tipici in cui imbattersi tra le montagne e i borghi del Trentino.

Dolce e Salato

Dall’inconfondibile gusto agrodolce, il frutto di stagione si presta a una varietà di declinazioni culinarie, dal dolce al salato.

Strudel. La Ricetta

Di origine turca, è uno dei dolci più conosciuti in Italia come nei Paesi germanofoni, oltre ad essere una delle specialità gastronomiche del Trentino.

strudel

Cosa occorre

Per la pasta. 125 g di farina 00; 20 g di burro fuso; 60 g di acqua tiepida; un uovo; un pizzico di sale; mezzo cucchiaino di burro

Per il ripieno. 500 g di mele Golden; 60 g di zucchero (meglio se metà bianco e metà di canna); 30 g di burro; 50 g di pangrattato; scorza di mezzo limone; 30 g di uva passa; 30 g di pinoli; cannella; rum

Preparazione

Impasto. Versare in una ciotola la farina setacciata e il sale. Aggiungere uovo, acqua e olio. Impastare quanto basta a rendere il tutto consistente, liscio ed elastico e lasciare riposare per una mezz’ora al fresco.

Ripieno. Mettere a bagno l’uvetta in acqua tiepida. Nel frattempo, in una padella sciogliere 50 g di burro e aggiungervi il pangrattato. Mescolare affinché non si bruci e lasciarlo dorare per qualche minuto. Spegnere il fuoco e lasciare intiepidire.
Quindi sbucciare e tagliare le mele a fettine sottili. In una ciotola capiente versare le mele tagliate, lo zucchero, i pinoli, la scorza di limone grattugiata, un pizzico di cannella, l’uvetta ben scolata e strizzata e un goccio di rum.
Sciogliere in un pentolino a fuoco dolce il burro. Col burro ottenuto spennellare la superficie, eccetto i bordi, del panetto di pasta steso a forma di rettangolo su un canovaccio leggermente infarinato. Cospargere con il pangrattato tostato. A questo punto adagiare sopra al panetto il ripieno, arrotolare lo strudel dalla parte più lunga e sigillarlo anche sui lati.
Cuocere in forno statico preriscaldato a 200° per circa 40 minuti (se ventilato a 180° per 30 minuti). A cottura ultimata, spolverare con zucchero a velo e servire tiepido.

Arista di maiale con mele e miele. La Ricetta

Semplice e d’impatto. L’arista di maiale con mele e miele conferma il riuscito connubio di dolce e salato, oltre ad essere un secondo diverso dal solito e facile da preparare.

arista

Cosa occorre

1 kg di arista di maiale; olio; sedano; carota; cipolla; rosmarino; salvia; 1 dado; mela Golden; 1 cucchiaio di miele

 

Preparazione

Soffriggere in una pentola capiente sedano, carota e cipolla tritati per alcuni minuti. Aggiungere la carne, il rosmarino e la salvia e lasciar cuocere per qualche minuto. Quindi aggiungere il dado, mezzo bicchiere d’acqua e la mela tagliata a cubetti. Lasciare cuocere per circa un’ora, aggiungendo di tanto in tanto un po’ d’acqua.
Una volta pronta, versare un cucchiaio di miele sull’arista e lasciar cuocere finché il miele non si sarà sciolto.
! Va servito freddo e tagliato a fettine.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti