Le Passioni di Picasso, in mostra a Pavia

Print Friendly, PDF & Email

Fino al 20 marzo, Picasso e le sue passioni, in mostra al Palazzo Vistarino di Pavia.

200 opere, che comprendono disegni, ceramiche e oli provenienti da importanti collezioni private e dal museo di Mija Malaga. I capolavori in mostra rappresentano i temi e le passioni che hanno scatenato il genio e la creatività di Picasso, dai primi anni a Parigi, caratterizzati dalle incisioni del ciclo La Suite des saltimbanques (1913), fino a quando l’artista dimostra la sua piena maturità artistica attraverso i disegni e le litografie, intorno agli anni ‘70.

L’esposizione si snoda tra le sale dello splendido Palazzo Vistarino, per la prima volta aperto al pubblico, la villa settecentesca, che si affaccia sul Ticino, rappresenta una cornice unica e suggestiva ed esalta il valore delle opere, che propongono un percorso completo nell’attività dell’artista spagnolo.

I temi principali della mostra sono: Il teatro e il circo, la tauromachia e la politica. Anche se le donne risultano essere il soggetto più sentito nella pittura di Picasso, che lo porta all’esasperazione del suo espressionismo estetico, dovuto alla sua costante ossessione di riuscire a darne una forma. Come Tête de femme (1943), scomposta su piani prospettici, è forse da considerarsi il più completo di una sequenza di quattro ritratti realizzati tutti nello stesso giorno (il 3 giugno del 1943). Il quadro celebra l’addio a Dora Maar, sua musa ispiratrice prima dell’incontro fatale con la giovanissima Françoise Gilot.

Di grande importanza il ciclo Tauromachia (1959), nella sezione relativa le ceramiche, a cui Picasso si è dedicato negli ultimi vent’anni della sua attività artistica (dopo la fine della Seconda guerra mondiale), dimostrando una forte  ecletticità.

Autoritratto/ Selfportrait, 1967 gouache e inchiostro di china/ gouache and indian ink  75 x 56,5 cm

Autoritratto/ Selfportrait, 1967 gouache e inchiostro di china/ gouache and indian ink 75 x 56,5 cm

Nel suo percorso artistico Picasso, non viene mai abbandonata la constante e snervante ricerca stilistica, la quale trova il suo culmine nell’ Autoritratto del 1967 (gouache e inchiostro di china, 75×56,5) esposto nella “sala della marchesa” di Palazzo Vistarino. L’autoritratto rappresenta l’autentica passione della sua vita: quella per se stesso. In questo dipinto, Picasso rivela tutta l’identità e l’alterità del suo doppio. La scomposizione dei piani corrisponde alla decostruzione del proprio ego. Picasso, come in uno specchio che rivela la sua anima più profonda e più vera, è contemporaneamente l’uomo, l’artista, l’alchimista, il Minotaruro, il toro, il demone: è l’ombra che affiora dall’inconscio per tradire l’identità nascosta.

Picasso è considerato il pittore che ha rivoluzionato l’arte del secolo passato e dei nostri giorni, tanto che tra le opere, è presente uno spazio dedicato a tre trasposizione del capolavoro dell’artista spagnolo, la Guernica.

Informazioni utili:
PICASSO E LE SUE PASSIONI
19 dicembre 2015 -20 marzo 2016
Pavia, Palazzo Vistarino
Via sant’Ennodio, 26
Pavia

Orari apertura:
lunedì: 14-19
martedì-sabato: 9-19
domenica: 10-19
Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura.

Ingresso
Intero: 12 €
Intero residenti Pavia: 10€
Ridotto convenzioni: 8€
Ridotto scuole: 6 €
Biglietto speciale treno a/r Trenord da qualunque stazione in Lombardia a Pavia + biglietto mostra: € 15,00

Informazioni
Fondazione Alma Mater Ticinensis – Pavia, Italia (Tel. 0382 986965)
Associazione Culturale ViviPavia – Pavia, Italia (Tel. 335 6831578)
Musa Group Sagl – Lugano, Svizzera (Tel. +41 787325880)
info@picassoelesuepassionipavia.it
www.picassoelesuepassionipavia.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti