Quirinale, la Caserma dei Corazzieri apre al pubblico

Print Friendly, PDF & Email
caserma corazzieri

L’iniziativa

Dopo Palazzo del Quirinale tocca alla Caserma dei Corazzieri, intitolata al Maggiore Alessandro Negri di Sanfront, aprire le porte al pubblico. A partire da sabato 27 febbraio sarà, infatti, possibile visitare la sede della guardia d’onore del Presidente della Repubblica.

L’iniziativa vuole “rendere il più possibile fruibile la bellezza di questi palazzi e avvicinare le istituzioni ai cittadini“, dichiara Giovanni Grasso, consigliere del Presidente della Repubblica per la stampa e la comunicazione. A tal fine è in agenda l’apertura della tenuta presidenziale di Castelporziano e di Villa Rosebery.

La visita

Nel corso della visita sarà possibile accedere alle scuderie e al maneggio, alla selleria, al salone delle moto d’epoca, alla cappella “San Giorgio” e al corridoio delle corazze, tra elmi, stendardi e simboli importanti nella storia dei Corazzieri.
Un’occasione per conoscere da vicino i luoghi in cui, dal 1860, i Corazzieri vivono e si addestrano per prestare servizio e garantire sicurezza al Presidente della Repubblica.

Si potrà vedere, come uno scrigno che si apre, il backstage della nostra attività, dove tutto ha un sapore e un aspetto di ‘fatto a mano’, poiché c’è ancora un livello di sartorialità nella nostra attività, che poi è la nostra vita – dichiara Alessandro Casarsa, Comandante del Reggimento dei Corazzieri.

I Corazzieri hanno sostanzialmente due grandi anime ed una è quella della sicurezza del Capo dello Stato, con tutti quelli che sono gli strumenti messi oggi a disposizione dal punto di vista tecnologico, per essere al passo coi tempi. Poi c’è anche storia, tradizione, rappresentanza, tanta professionalità e debbo dire, anche con una punta d’orgoglio, tanta passione.

 

! Le visite si possono effettuare solo il sabato mattina, previa prenotazione, alle 9:30 o alle 10:30.

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito ufficiale www.quirinale.it

 

Fonte: Adnkronos

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti