Teheran, made in Italy e lusso con Cavalli e Versace

Print Friendly, PDF & Email

Cavalli e Versace sbarcano a Teheran. Una boutique già pronta e inaugurata per il primo. Uno store monomarchio work in progress per il secondo. Sembrerebbe strano, lontano dall’immaginario collettivo che lega l’Iran ad una realtà cupa e lontana dall’Occidente. Da ricredersi però quando si passa dal numero 1 di Alef Nord Street, a Zaferaniyeh, uno dei quartieri più eleganti e ricchi della capitale del Paese.

Una struttura a due piani costruita sin nei minimi particolari – dalle luci ai colori dei marmi – secondo le indicazioni del brand italiano, è il nuovissimo flag store di Cavalli. Affollato, elegante e sofisticato. Capi di charme con cifre da capogiro attirano le clienti, deliziano gli occhi e l’animo.

L’alta moda può trasformarsi in un ponte per portare l’Europa in Iran e per portare un domani l’Iran in Europa – ha dichiarato l’imprenditore iraniano Abbas Firouzan.

L’idea di creare un ponte tra l’Europa e Teheran arriva da un gruppo di imprenditori della Repubblica degli ayatollah,  Medhi Firouzan, presidente della KelideTalaei,  con Abbas Firouzan e un terzo socio, Moezeddini. Il gruppo decide di credere nelle potenzialità di un mercato giovane, colto e in certe fasce, benestante.

Si tratta dell’Iran-bene post embargo, una fascia sociale che è stanca di vedere il proprio paese dipinto come violento e grigio dalla stampa estera.

Vogliamo trasformare Alef Street in una via Montenapoleone di Teheran – ha spiegato all’Ansa Mehdi Firouzan, riferendosi alla famosa strada del lusso milanese. Abbiamo chiesto a Ferragamo, ad Armani, ad altri stilisti italiani e anche europei di aprire i loro negozi monomarchio in Iran.

Poi scatta un pensiero, una strategia: chiedere il franchising per la Repubblica degli ayatollah dei marchi della moda e del lusso italiani, quel made in Italy tanto conosciuto e apprezzato nel mondo. Gli stilisti italiani accettano. E una nuova realtà dello shopping iraniano percorre le strade di Teheran, portando una fresca ventata di Occidente.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti