Dalla Death Valley in fiore alla scoperta dei parchi americani per il centenario del National Park Service

Print Friendly, PDF & Email
Death Valley in fiore

Un evento straordinario ha coinvolto il luogo più arido della terra: anche nella Death Valley sono arrivati i fiori. La meglio conosciuta Valle della Morte, situata tra lo strato della California e del Nevada si è colorata di giallo. Il fenomeno, dovuto alle abbondanti e inusuali precipitazioni autunnali, hanno trasformato questo deserto in uno splendido giardino, ideale da visitare in primavera, la stagione perfetta anche per chi ha voglia intraprendere un tour on the road attraverso emozionanti siti di interesse storico-naturalistico.

L’occasione perfetta per visitare, a pochi chilometri dalla Death Valley, il vicino stato del Nevada, dove la città di Las Vegas rappresenta un punto di partenza per emozionanti viaggi alla scoperta dei Parchi Nazionali dello Stato.
Quest’anno in occasione del centenario del National Park Service, che celebra i parchi nazionali americani ed inaugura un nuovo secolo di promozione e salvaguardia di questi luoghi meravigliosi dove storia, cultura e natura si incontrano. Per questo evento i turisti di tutto il mondo potranno visitare alcuni dei più spettacolari scenari naturali degli USA e del mondo, ecco quali:

Grand Canyon

I viaggiatori possono scegliere tra svariate opzioni per effettuare un tour nel Grand Canyon da Las Vegas, tra le quali elicottero e aereo. Vasto e maestoso, colorato e nostalgico, il Grand Canyon è uno simboli più riconoscibili degli USA (e del mondo).
Si estende per un totale di 277 miglia. Con rosse pareti rocciose, alte oltre un miglio dal fondo del canyon, il Grand Canyon è attraversato dal fiume Colorado. La maggior parte delle escursioni a terra portano all’ingresso principale sul Grand Canyon South Rim mentre altri tour portano al North Rim. Il suo confine occidentale, sede delle Havasupai Falls e della città di Supai, è accessibile anche tramite le strade della riserva indiana Hualapai. Il South Rim è aperto tutto l’anno, tempo permettendo. Il North Rim è generalmente aperto da metà maggio a metà ottobre.
Il Grand Canyon ha comquistato il titolo di 17° Parco Nazionale degli USA con un atto del Congresso firmato dal presidente Woodrow Wilson nel 1919.

Red Rock Canyon

Red Rock Canyon, una delle mete più popolari del Nevada. E nonostante il suo aspetto esotico (come si vede nei film e in numerosi spot televisivi), il Red Rock si trova a circa 30 minuti dalla Strip.
Ufficialmente conosciuto come Red Rock Canyon National Conservation Area, il Red Rock si estende su 520 acri amministrati dal Bureau of Land Management e protetti come National Conservation Area. È visitato ogni anno da oltre un milione di viaggiatori.
Apparentemente più una catena montuosa che un canyon, l’area è dominata da spettacolari pareti a strati di colorate rocce dure e arenaria. È una meta popolare per attività come trekking e arrampicata su roccia. La sua bellezza sbalorditiva e il colore rosso fuoco delle sue pareti sicuramente la rendono una delle attrazioni più fotografate del sud-ovest.
Nei dintorni si trova il Spring Mountain Ranch State Park, un tempo proprietà del leggendario Howard Hughes, imprenditore miliardario che fu residente a Las Vegas. L’area offre una vista mozzafiato sulle splendide scogliere Wilson ed è il luogo ideale per un picnic.

Valley Of Fire

La Valley Of Fire è uno dei luoghi di cui i Nevadans sono più orgogliosi, spettacolare durante il giorno così come di notte. Le sue formazioni di colore rosso vivo sono una tentazione irresistibile per fotografi e registi, un panorama che cattura la scena in innumerevoli film e spot televisivi. Il Valley of Fire State Park è il più antico parco statale del Nevada ed è stato designato come Monumento Naturale Nazionale nel 1968. Il suo nome deriva dalle grandi formazioni di arenaria rossa formatesi dalle dune di sabbia durante l’età dei dinosauri, 150 milioni di anni fa. Queste caratteristiche rocce rosse sembrano andare a fuoco (“on fire”) specialmente all’alba o al tramonto. È possibile effettuare escursioni, raggiungerlo in autobus o osservare gran parte della sua bellezza in automobile.

Colorado River

Colorado river

Colorado river

Il leggendario fiume nasce nelle Rocky Mountains centrali e scorre per 1.450 miglia attraverso ben sette Stati. Il fiume scorre a sud-ovest attraverso l’Altopiano del Colorado prima di raggiungere l’estremità inferiore del Grand Canyon, dove si allarga nel Lake Mead, il più grande serbatoio degli Stati Uniti continentali formato dalla diga Hoover Dam. Anche se il fiume è noto per le avventure in rafting, le escursioni da Las Vegas sono alla portata di adulti e bambini. Queste gite di un giorno, di solito a bordo di zattere gonfiabili motorizzate, attraversano lo spettacolare Black Canyon, la gola naturale del fiume Colorado situata immediatamente sotto la Hoover Dam, e permettono di osservare la fauna selvatica del deserto e la bellezza di questo paesaggio altrimenti inaccessibile via terra.

Hoover Dam & Lake Mead

I tour per la diga Hoover Dam e il Lake Mead sono un ‘classico’ tra le gite di un giorno con partenza da Las Vegas. Un tempo conosciuta come Boulder Dam, la Hoover Dam è stata costruita tra il 1931 e il 1936 al confine tra Arizona e Nevada. Oltre a creare il Lake Mead, il più grande serbatoio negli Stati Uniti per volume, fornisce energia per le utenze pubbliche e private in Nevada, Arizona e California. Circa un milione di persone visita la diga ogni anno. Dal 2010 è possibile passeggiare sul Mike O’Callaghan-Pat Tillman Memorial Bridge, il più alto ponte ad arco in cemento nell’emisfero occidentale che attraversa il Black Canyon collegando Arizona e Nevada per quasi 900 piedi sopra il fiume Colorado.

Per maggiori info: www.park100.com

Fonte: www.visitlasvegas.com

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti