In Italia vince il turismo culturale

Print Friendly, PDF & Email
michelangelo_buonarroti

 

Chiudono in positivo gli Stati Generali del Turismo di Pietrarsa.

Il turismo cresce.

Il 2015 ha registrato un incremento del 3,2% con ben 53 milioni di turisti provenienti dall’estero. Aumentano i turisti, aumenta la spesa totale, 35,8 milioni, +4,7% rispetto al 2014, vale a dire circa 700 euro a turista.

Chiudiamo il bilancio in attivo e siamo dietro solo alla Spagna, con un surplus di 13,7 miliardi di euro

  • Spagna     +34 miliardi di euro

  • Italia         + 13,7 miliardi di euro

  • Grecia       +11,4 miliardi di euro

  • Portogallo +7,5 miliardi di euro

  • Francia     +4,9 miliardi di euro

Il turismo rappresenta in l’Italia l’11,8% del PIL nazionale, con un valore aggiunto di 171 miliardi di euro.

Ma se si guarda all’export totale l’Italia è  l’ultima della lista, con uno scarto considerevole rispetto ai Paesi europei con una minore tradizione manifatturiera orientata alle esportazioni:

  • Grecia 25,4% dell’export totale

  • Portogallo 18,9% dell’export totale

  • Spagna 14,5%, dell’export totale

  • Francia 7,8% dell’export totale

  • Regno Unito 7,4% dell’export totale

  • Italia 7,2% dell’export totale

Di sicuro i dati ci confermano quanto dichiarato dal Ministro Dario Franceschini

E’ fondamentale per il Paese investire nel settore del turismo puntando soprattutto sullo sviluppo dell’offerta nel Meridione, dove si trova gran parte del patrimonio culturale nazionale ma dove si reca meno del 15% dei turisti provenienti dall’estero.

Al momento è l’offerta culturale che fa muovere in positivo i dati di afflusso.

Laumento dei turisti internazionali sembrerebbe legato alla cosiddetta rivoluzione museale’ che ha visto crescere l’afflusso dei visitatori nei musei e nei siti archeologici statali

  • +13,5% rispetto allo stesso periodo del 2015, con 7,9 milioni, nel primo trimestre del 2016
  • introiti + del 24%, con oltre 25,4 milioni di euro.

Fonte: www.beniculturalli.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti