Picasso scultore, in mostra a Parigi

Print Friendly, PDF & Email

 

L’arte scuote dall’anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni

Rivelare al pubblico un aspetto poco studiato, eppure capace di illuminare occhi e cuore del pubblico. È questo lo scopo di “Picasso. Sculptures”, la più grande mostra dedicata alla scultura di Pablo Picasso, ospitata a Parigi, nelle sale del Musée National Picasso, fino al prossimo 28 agosto.

Ecco quindi una retrospettiva capace di mettere in luce la produzione scultorea di Picasso, focalizzando lo sguardo sulla particolare modalità creativa dell’artista catalano che, partendo da un originale scolpito, dava vita a numerose varianti e serie, utilizzando materiali, supporti e varie dimensioni. È la sua dimensione multipla.

Un incredibile insieme di 70 prestiti, che si affiancano alle opere scultoree delle collezioni permanenti del Museo e restituiscono un tripudio di oltre 140 capolavori arte ‘picassiana’ danzanti, come la serie di “Sei bicchieri di assenzio” del 1914, in origine modellati in cera e realizzati in bronzo, altissima espressione dei linguaggio cubista dell’artista, visibili in versione integrale per la prima volta in Europa. Ogni pezzo è dipinto in modo da evidenziare la scomposizione dell’oggetto e il movimento del liquido in esso contenuto. Figurano poi le due versioni de “La femme au jardin”, create con il supporto tecnico di Julio Gonzales, riunite qui per la prima volta dalla loro realizzazione.

Tra le opere conservate al Moma, spiccano ‘Testa di donna (Fernande)‘ del 1909, in gesso e in bronzo, il ‘Crane de chevre, bouteille et bougie‘ nelle due varianti in bronzo dipinto del 1951 e ’53, ‘La Guenon et son petit’ del 1951. La dimensione scultorea multipla, con le opere originali accostate ai loro doppi è particolarmente apprezzabile nel caso delle edizioni Vollard, le Fou e Tete de Femme (Fernande) del 1906 e 1909, le opere ideate a partire dalle sculture di Boisgeloup (una ‘Tete de Marie-Therese’ realizzata in cemento) nonché le varie proposte disegnate da Picasso per il Monumento a Guillaume Apollinaire.

Uno sguardo nuovo darà risalto alle sculture conservate al Musée Picasso, presentate in accostamento ai loro doppi o alle varianti, in un percorso espositivo cronologico e tematico al tempo stesso, arricchito da disegni e dipinti di Picasso. La collaborazione con altri artisti e tecnici della fusione del bronzo, la scelta dei materiali, il gioco delle serie e delle varianti, sono il filo conduttore di questa retrospettiva parigina, allestita in 15 sale del Museo.

La mostra, curata da Cécile Godefroy, in collaborazione con Virginie Perdrisot, conservatrice responsabile delle sculture al Musée Picasso. arriva a Parigi, dopo il grande successo ottenuto al Moma di New York, partner del progetto. Risultato della sforzo congiunto dei due prestigiosi musei internazionali, che ha permesso questo inedito scambio di opere, consentendo al pubblico di focalizzarsi e apprezzare un eccellente lato del pittore catalano.

Un’arte, quella di Pablo Picasso, comunemente suddivisa in 4 periodi: Periodo blu (1901-04), quello dei dipinti cupi, realizzati nei toni del blu e turchese, con pittura monocromatica e colori freddi; il periodo rosa (1905-07), con uno stile più allegro e toni rosa e arancione, contraddistinto dagli arlecchini; il periodo africano (1907-09), influenzato dall’arte africana, che lo condusse poi al successivo periodo cubista. Il cubismo analitico (1909-12), con Picasso chiuso nel suo atelier, a dipingere nature morte, cui si aggiungono figure e ritratti, a scomporre. Qui l’immagine dei visibile si frantuma e visi e oggetti, a loro volta, si frammentano in una miriade di facce. L’adozione di una molteplicità di punti di vista permette così di raggiungere una visione totale e di creare un oggetto estetico estremamente strutturato; con il cubismo sintetico (1912-14) si va verso l’introduzione progressiva di lettere stampate, di listelli in legno e di altri oggetti in trompe-l’œil, attraverso collage, che si presentano come autentici brani di realtà integrati al quadro.

 

Info utili:
Titolo mostra: “Picasso. Sculptures”
Luogo: Parigi, Musée National Picasso
Date: 8 marzo 2016 – 28 agosto 2016
Biglietti: Biglietto unico di ingresso al Musée National Picasso, che dà diritto di ingresso a tutte le mostre in corso.
Ingresso al Museo: Intero € 12,50 – Ridotto € 11,00
Ingresso con audio-guida: Intero € 16,50 – Ridotto € 15,00

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti