Roma sotterranea: viaggio tra le catacombe

Print Friendly, PDF & Email

Roma sotterranea è un mondo tutto da scoprire, le catacombe romane sono labirinti carichi di storia e suggestioni. Mille tesori sotto i nostri piedi, le catacombe di Roma sono antiche aree cimiteriali sotterranee ebraiche e cristiane, un’altra città sottoterra tutta da ammirare per conoscere le radici della religione e non solo, per cercare di scoprire i secreti che le avvolgono.

A Roma esistono più di 40 catacombe scavate nel tufo, si trovano quasi tutte fuori l’antica cinta muraria, perché  in quell’epoca non era possibile seppellire i defunti nelle città, si snodano per circa 150 km e su più livelli, ecco le più importanti e antiche della capitale:

CATACOMBE DI SAN CALLISTO Tra le catacombe più grandi e più antiche di Roma, il complesso cimiterario occupa un area di 15 ettari, si trovano accanto alla chiesetta del “Quo Vadis?” sull’Appia Antica. Le gallerie sotterranee ricche di loculi scavati nel tufo, sono lunghe anche 20 km, qui si trovano sepolti martiri e pontefici cristiani.

Le catacombe sono considerate il cimitero ufficiale della Chiesa di Roma e prendono il nome del diacono San Callisto, preposto da Papa Zefirino all’amministrazione del cimitero, nel III secolo. Negli ambienti delle catacombe sono ancora visibili le strutture di due basiliche dedicate al papa S. Zefirino e al giovane martire dell’Eucarestia, S.Tarcisio.

Tra gli spazi sotterranei anche una serie di aree ornate da affreschi e mosaici dell’epoca, quali: la Cripta dei Papi, il luogo più sacro ed importante di queste catacombe, chiamato anche “il piccolo Vaticano” perché si trovano sepolti 9 papi e 8 dignitari della Chiesa durante il III secolo; la Cripta di S.Cecilia, patrona della musica, martirizzata nel III secolo, nel luogo di sepoltura adesso si trova la sua statua (copia della celebre opera del Maderno), le sue reliquie oggi si trovano nella Basilica di Santa Cecilia in Trastevere; e i cubicoli dei Sacramenti, cinque stanzette adibite a tombe di famiglia, importanti per i loro affreschi che raffigurano i sacramenti del Batesimo e dell’Eucarestia.

Altre zone delle catacombe sono denominate di S. Milziade, di S. Gaio e di S. Eusebio, Occidentale e Liberiana con molte altre cripte importanti.

Informazioni utili:
Le Catacombe di San Callisto – Via Appia Antica, 110/126
Orario di apertura 09.00 -12.00 // 14.00-17.00
Biglietto € 8,00 a tariffa intera / € 5,00 a tariffa ridotta.
Tel. +39 – 06 – 513 01 51
Fax +39 – 06 – 513 01 567
E.Mail: scallisto@catacombe.roma.it
sito: http://www.catacombe.roma.it/it/index.php

 

CATACOMBE DI SAN SEBASTIANO Accanto all’omonima basilica, che fa parte dell’Itinerario religioso delle Sette chiese, sono conosciute anche come il Cimitero “ad Catacumbas”, che significa “presso l’avvallamento”, a causa delle cave di pozzolana presenti nella zona.

La stessa cava è stata riadattata e adibita dai cristiani in cimitero, dove venivano sepolti schiavi e liberti sepolti tra i loculi delle gallerie, ricche anche di tombe decorate. L’importanza delle catacombe è da associare alla presenza del corpo del martire Sebastiano, che ha reso il luogo metà di pellegrinaggio dei fedeli, i quali andavano alla ricerca di posti vicini alla tomba venerata. Questa affluenza segnò l’inizio di lavori di abbellimento e di ampliamento degli ambienti preesistenti, creando una rete densissima di gallerie.

Informazioni utili:
Catacombe di San Sebastiano – Via Appia Antica, 136
Orari di Apertura:Dal Lunedì al Sabato 10:00 – 16:30/ Ultimo Ingresso ore 16.30/ Chiusura 17:00/ Giorno di Chiusura settimanale: Domenica
Biglietti: intero € 8,00/ Ridotto € 5,00
Tel:+39 – 06.78.50.350
Fax: +39 – 06.78.43.745
e-mail: info@catacombe.org
sito:http://www.catacombe.org/

 

CATACOMBE DI DOMITILLA Tra le più estese di Roma, includono una basilica semiipogea e 17 km di gallerie e corridoi distribuiti su quattro differenti livelli, per un totale di 150.000 sepolture. Si trovano lungo l’antica via Ardeatina, sul luogo di proprietà della nobile Flavia Domitilla, nipote del console Flavio Clemente.

Le catacombe di Domitilla rappresentano un luogo unico per conoscere gli aspetti della vita delle comunità cristiane dei primi secoli e la loro fede nella resurrezione e nella vita eterna, ammirandone la testimonianza rimasta fissata nel corso dei secoli nelle decorazioni simboliche sui frammenti lapidei e i magnifici affreschi, segno del rapporto con Dio e del culto dei martiri sepolti in questo antico cimitero.
I martiri più importanti del cimitero sono Nèreo ed Achìlleo, due soldati vittime probabilmente della persecuzione di Diocleziano (304 d.C.). Erano sepolti nella basilica.

Un altro nucleo molto antico è l’ipogeo dei Flavi, che ha origine alla fine del II sec. d.C. come ipogeo privato pagano per poi accogliere, durante il III sec., sepolture cristiane decorate con scene tratte dalle Sacre Scritture. Completano la visita: il cubicolo di Veneranda, l’arcosolio degli Apostoli Piccoli ed il cubicolo del fossore Diogene.

Informazioni utili:
Catacombe di Domitilla – Via Delle 7 Chiese, 282
Orari: 9.00 – 12.00; 14.00 – 17.00 – Riposo settimanale: martedì
Biglietti: € 8,00 Ridotto € 5,00. Il biglietto dà diritto alla visita guidata.
Tel. +39 06 5110342 | Fax. +39 06 5110512 | info@domitilla.info |
sito: http://www.catacombedomitilla.it/
http://www.domitilla.info/

CATACOMBA DI PRISCILLA Considerata la regina delle catacombe per la quantità di martiri sepolti, si apre sulla Via Salaria e vi si accede dal convento delle Suore Benedettine di Priscilla. Risalente al II secolo, scavata nel tufo conta gallerie lunghe fino a 13 km. È stata ricavata da spazi già esistenti: un arenario, un criptoportico e l’ipogeo con le tombe degli Acili Glabrioni, famiglia che possedeva i terreni sotto la quale sorge e a cui apparteneva la nobildonna Priscilla benefattrice della comunità cristiana di Roma (ricordata il 16 gennaio nel Martirologio Romano).

Il cimiteri sotterraneo, occultato nei secoli, è stato riportato alla luce nel XVI secolo, quando è stato derubato di lapidi, sarcofagi, tufo e corpi di presunti martiri. La catacomba di Priscilla oggi conserva una serie di pitture e affreschi particolarmente significativi, aperti al pubblico, come: il cubicolo della velata; la nicchia con la più antica immagine della vergine; e la cappella greca.

Informazioni utili:
Catacombe di Priscilla – Via Salaria, 430
Orario di apertura: dalle 09 alle 12 e dalle 14 alle 17.
Le Catacombe sono chiuse il Lunedì.
Biglietti ordinario € 8.00/ ridotto € 5.00
Email: info@catacombepriscilla.com /Tel. 06-86206272
Sito: www.catacombepriscilla.com/

CATACOMBA DI SANT’AGNESE La nascita di questo cimitero è legata al martirio di Sant’Agnese nel corso di una delle persecuzioni anticristiane del III secolo, in seguito tumulato in una galleria al primo piano

Le vaste gallerie della catacomba si trovano sotto la Basilica di Sant’Agnese fuori le Mura, scoperte casualmente nel 1865.

Il cimitero, a dispetto di altri luoghi simi sparsi per la capitale, è privo di pitture e si articola su tre piani in quattro regioni. La regione più antica è a sinistra della basilica e ha un cubicolo chiuso da una grande pietra come nelle tombe giudaiche. La quarta regione si trova proprio sotto l’atrio della chiesa costantiniana.

Il complesso monumentale è composto dalla Basilica di Sant’Agnese fuori le Mura e dal Mausoleo di Santa Costanza, il monumento destinato ad accogliere le spoglie di Costanza e di sua sorella Elena, figlie di Costantino, costruito intorno al 350. Lungo la via Nomentana a pochi metri dalla Basilica di Sant’Agnese, si trova la Catacomba Maggiore, risalente alla metà del V secolo, dove alla data del 16 settembre vengono ricordati i martiri sepolti in cimiterio maiore sulla via Nomentana.

Informazioni utili
Catacombe di Sant’Agnese – Via Nomentana, 349
Orari: è possibile visitare le Catacombe di Sant’Agnese in tutti i giorni dell’anno, tranne che nel periodo di chiusura che va dal 2 al 29 Novembre compresi.
La visita prevede sempre la presenza di una guida autorizzata ed è consentita tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00 (tranne la mattina della domenica e di tutti i giorni festivi religiosi) e dalle 15.00 alle 17.00/Chiuso tutto il giorno nei giorni di Pasqua e Natale
Per i gruppi la prenotazione è obbligatoria e va effettuata via mail all’indirizzo: catacombe@santagnese.net
Biglietto: Intero € 8,00/Ridotto € 5,00
Sito: http://www.santagnese.org/

CATACOMBE EBRAICHE DI VIGNA RANDANINI Scavate nel fianco di una collina, è una delle maggiori catacombe di origine ebraica di Roma ritrovata nel 1859 ma risalente al II ed il IV secolo d. C.

Il cimitero occupa un area di circa 18.000 metri quadrati su due livelli ed è unico nel panorama mediterraneo per lo stato di conservazione e per la presenza di numerose decorazioni pittoriche di soggetti quanto mai vari, relativi sia alla tradizione pagana che a quella ebraica.

Le catacombe sono ricche di cubicula, ovvero cappelle private decorate con disegni e iscrizioni, è presente anche un’area sepolcrale ipogea di carattere privato, che comprendeva un cubicolo doppio, riccamente dipinto secondo lo stile lineare proprio del primo trentennio del III secolo.

Anche le volte delle gallerie sono decorate seguendo una complessa partitura geometrica a partire da un clipeo centrale figurato. Un rinvenimento straordinario, in quanto si tratta di soggetto figurati, presenti nell’iconografia pagana, che farebbero pensare (ma non e’ stato ancora accertato con chiarezza) ad un possibile riutilizzo da parte ebraica di un precedente cubicolo pagano.

L’apertura delle catacombe ebraiche di Vigna Randanini si inserisce nella manifestazione Le vie del Giubileo.

Informazioni utili:
Catacombe di Vigna Randanini – Via Appia Pignatelli, 2
Orario: domenica 22 maggio e domenica 5 giugno 2016/Visita guidata in italiano ore 10.00
Biglietto: € 5,50/Prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti disponibili
Sito: http://www.coopculture.it/events.cfm?id=445#

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti