Un pezzo di Palmira a Torino

Print Friendly, PDF & Email

Una lastra figurata in rilievo, utilizzata per chiudere una tomba, probabilmente romana, a Palmira è sopravvissuta alla furia iconoclasta dell’Isis, ed è stata esposta per la prima volta al pubblico nella mostra Antiche emozioni. Il passato guarda al futuro, organizzata a Palazzo Saluzzo di Paesana, a Torino.

Reperto Palmira a Torino

Reperto Palmira a Torino

Il bassorilievo ha le dimensioni di 40 centimetri per 30 e pesa una settantina di chili: rappresenta un uomo il cui viso è ben delineato, seduto, vestito con abiti romani e, alle sue spalle, un giovane che gli versa da bere, a cui mancano i lineamenti del viso.

Il reperto risale al terzo secolo dopo Cristo, originariamente apparteneva ad una famiglia di collezionisti tedesca ed è stato acquistata un antiquario torinese, Maurizio Candiani, a Parigi, da un noto mercante d’arte di St Germain-des-Pres.

Fonte: Ansa

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti