‘On the Verge of Insanity. Van Gogh and his Illness’. Ad Amsterdam con la malattia di Van Gogh.

Barbara Gigante
Print Friendly, PDF & Email

Una lettera scoperta di recente, contenente disegni e indicazioni su quale parte dell’orecchio Van Gogh si fosse amputato da sé, ha riportato l’attenzione degli esperti d’arte sugli ultimi 18 mesi di vita del pittore olandese.

Il Van Gogh Museum di Amsterdam ha voluto organizzare, perciò, un’esposizione ‘On the Verge of Insanity. Van Gogh and his Illness’ dal 15 Luglio al 25 Settembre, di 25 dipinti e disegni realizzati nell’ultimo anno e mezzo della vita dell’artista, quando la malattia mentale che lo affliggeva stava diventando sempre più gravosa, portando all’incupimento dell’uomo, riflesso sulla sua arte, la cui atmosfera si era fatta sempre più cupa, tersa, soffocante.

Quella proposta dal museo che ne porta il nome è una vera e propria indagine, tra i meandri oscuri della mente di un genio, che per capire più a fondo possiamo solo affidarci all’interpretazione dei suoi lasciti artistici e di alcuni documenti, utili a ricostruire il contesto storico e sociale nel quale egli visse immerso.

Per l’occasione, sono stati riuniti al Van Gogh Museum importanti capolavori solitamente esposti altrove, come il ritratto del Dottor Felix Rey, medico dell’artista, prestato dal Pushkin Museum di Mosca. Tra i documenti inediti e di grande pregio, invece, c’è il rapporto della polizia e la petizione del 1889 firmata dagli abitanti di Arles a favore della sua reclusione in un ospedale psichiatrico. Nel corso dei 26 anni successivi al suicidio di Van Gogh, circostanza che ha contribuito ad alimentarne il mito, si sono succedute diagnosi mediche e svariate interpretazioni riguardo la sua malattia.

I dipinti conseguenti all’incidente del 1888, quando l’artista si mozzò un orecchio, mostrano come egli avesse cercato di riprendersi durante la degenza in ospedale. Van Gogh stesso decise, infatti, di farsi internare nel manicomio di Saint-Remy. A quel periodo risalgono Il giardino del manicomio e Campo di Grano dopo la tempesta, celeberrime opere, dalla potenza emotiva disarmante.

L’arte però, non è concausa del malessere, né mezzo espressivo della follia. Essa è piuttosto la salvifica zattera alla quale l’ultimo Van Gogh si aggrappa con disperazione, nella caparbia volontà di scegliere la vita, la sanità, il suo soggiorno nel mondo. Un proposito sul quale la morte e l’autodistruzione hanno infine avuto la meglio.

La disposizione delle opere della mostra è tale affinché lo spettatore possa ripercorrere quei momenti, partecipando, attraverso le opere, di quella degenerazione del male che affliggeva l’artista: la sessione finale coinciderà, dunque, con l’esposizione degli ultimi suoi dipinti e con il tentativo di far chiarezza sulle circostanze che lo spinsero all’estremo gesto, quel 29 luglio del 1980 ad Auverse-Sur-Oise.

Con lo stesso proposito, è previsto per il giorno 14 Settembre un incontro di psichiatri ed esperti del settore, in cui si cercherà di arrivare a una diagnosi precisa sulla malattia di Van Gogh. Le conclusioni verranno poi esposte il giorno successivo in un simposio pubblico, in cui si metteranno in correlazione vita e opere dell’autore oltre a un confronto con altri casi illustri. Impreziosisce la mostra il catalogo che la accompagnerà: intitolato On the Verge of Instanty. Van Gogh and his illness di Nienke Bakker è una pubblicazione internazionale distribuita dalla Yale University Press.

 

Sarà inoltre possibile prendere parte a una lettura su Van Gogh e la sua vita,  fruibile a Luglio e Agosto, alle 19:30 tutti i venerdì, mentre il sabato alle 18:30.

INFO:

“On the Verge of Insanity. Van Gogh and his Illness”

Van Gogh Museum, Museumplein 6, 1071 DJ Amsterdam, Paesi Bassi
Orari del Museo: 9.00-17.00
Gli orari di apertura del Van Gogh Museum saranno prolungati in occasione della mostra.
Il museo si potrà visitare  dalle ore 9:00 alle 19:00 tutti i giorni,  il venerdì fino alle 22:00, il sabato alle 21:00.

Prezzo del biglietto: Adulti € 17,- Bambini e teenager fino a 17 anni entrano gratis con documento d’identità.

Non sono previsti sconti per anziani, studenti, gruppi o insegnanti.

Phone:  +31 20 570 5200

Tourist Information: www.musement.com

www.vangoghmuseum.nl

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti