Viaggi e bufale sul web, le tre regole d’oro per non cascarci e viaggiare sicuri

Print Friendly, PDF & Email

E’ arrivato il momento di organizzare le vacanze, e sempre più spesso ci si affida al web per farlo, ma non sempre i siti di ricerca o le recensioni postate dagli utenti sono affidabili.

Sui maggiori siti di prenotazione online possiamo trovare offerte di tutti i tipi

hotel
extra-lusso
residence
ostelli
case sull’albero

e ultimamente, nell’era della sharing economy, troviamo sempre più offerte di privati che mettono a disposizione

un divano
una stanza
o addirittura un intero appartamento

 

Per non cadere in eventuali truffe, oltre ad affidarsi al buonsenso è importante seguire alcune regole d’oro

 

  • Controlli e indagini on-line

Mai fermarsi alla prima ricerca. Quando troviamo la nostra sistemazione ideale, dobbiamo sempre e comunque effettuare ulteriori verifiche in rete, poiché spesso gli annunci sono inseriti in diversi siti. Salvando le foto del primo annuncio e inserendole nella ricerca di google tramite immagini, il motore di ricerca troverà tutti gli annunci con le stesse foto, e magari anche qualche recensione che il proprietario aveva provato a nascondere.

Controllare in ogni caso l’affidabilità dei siti, le recensioni degli altri viaggiatori e anche blog dedicati al turismo.

 

  • Pagamento in contanti

Sui maggiori siti la prenotazione on-line termina con il pagamento tramite portale, che trattiene una percentuale sull’importo finale. A volte i proprietari “fanno i furbi” e propongono ai clienti il pagamento in contanti in cambio di sconti, così da non far figurare le transazioni e riuscire ad evadere le tasse. In questo caso però, non avendo alcuna garanzia da parte del sito e non essendo il pagamento in alcun modo tracciabile, ci potremmo trovare davanti a brutte sorprese.

Eperciò assolutamente sconsigliato effettuare pagamenti in contanti, nonostante ci possa essere un piccolo risparmio.

 

  • Controllare sulle mappe

Prima di prenotare è sempre opportuno verificare su Google Maps dove si trova esattamente la sistemazione che vorremmo prenotare, la rete di trasporti, e la distanza in km dai luoghi che si intende visitare, per verificare quanto quel “a due passi dal mare” o “vicino al centro storico” sia veritiero.

E’ inoltre consigliabile usare Google Street View, così da esplorare virtualmente i dintorni della zona dell’eventuale pernottamento.

 

Seguendo queste tre regole d’oro, potrete viaggiare sicuri senza il rischio di cadere in bufale o truffe sul web.

 

Fonti:
www.codacons.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti