Lotto, Artemisia, Guercino. Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi

Print Friendly, PDF & Email

A Palazzo Campana (Osimo, provincia di Ancona), per la prima volta in Italia saranno esposte – fino al 30 ottobre150 opere della collezione privata Cavallini-Sgarbi, in una mostra intitolata: “Lotto, Artemisia, Guercino. Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi”.

L’esposizione è stata promossa, oltre che dalla Regione Marche, dal Comune di Osimo, dalla Fondazione Don Carlo e dall’Istituto Campana.

Tra la Morte di Cleopatra di Artemisia Gentileschi, il ritratto di Francesco Righetti del Guercino e l’Allegoria del Tempo di Guido Cagnacci, ci muoviamo in un mondo che è non solo grande bellezza e indiscutibile valore artistico delle opere, ma anche una finestra sui gusti dello Sgarbi collezionista.

Cantarini

Le stanze segrete, a detta dello storico dell’arte, sono “un assaggio delle 4mila opere che possiedo e un omaggio a mia madre (Rina Cavallini, scomparsa recentemente), alla sua attività e vitalità”.

In fondo, la collezione d’arte ha un potere simbolico: è l’estensione della persona del collezionista, l’espressione della sua sensibilità estetica e la sua capacità di renderla eterogenea: Vittorio Sgarbi è riuscito, con le sue opere, a mettere insieme – anche con l’aiuto della madre Rina Cavallini – una vera a propria summa dell’arte italiana dal XIII secolo ai giorni nostri.

Il critico afferma che il mistero e la chiave per capire o vivere il collezionismo è l’interesse per ciò che non c’è”, ricordando sempre che “non si trova quello che si cerca, si cerca quello che si trova.”

Ospita la mostra l’imponente Palazzo Campana di Osimo, ex Collegio e Seminario che oggi è sede dell’Istituto per l’Istruzione Permanente, del museo civico e della biblioteca comunale (in cui sono conservati ben 15000 volumi su vari argomenti).

Osimo, ex colonia romana in territorio piceno, è un vero e proprio gioiello dell’architettura marchigiana con le sue stradine, le antiche mura romane, gli splendidi scorci e le bellissime chiese, tra cui il Duomo di San Leopardo e la chiesa di San Francesco; e, come molte città medievali, nasconde un segreto: una labirintica rete di gallerie – proprio sotto all’attuale centro storico – che costituiva la città antica (da non perdere la visita alle Grotte del Cantinone e alle Grotte di Piazza Dante).

“Lotto, Artemisia, Guercino. Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi”

Dal 18 marzo al 30 ottobre 2016

Palazzo Campana, piazza Dante Alighieri, Osimo (AN)

Orari

Dal lunedì al venerdì –  dalle 10.00 alle 13.00, e dalle 16.00 alle 20.00

Prefestivi e festivi – dalle 10.00 alle 20.00

Agosto – tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.00

Ultimo ingresso – 30 minuti prima della chiusura

Biglietti

Intero € 7,00

Ridotto € 5,00 – maggiori di 65 anni, minori di 25 anni, residenti in Osimo, titolari di convenzioni, gruppi di almeno 15 persone

Speciale famiglia € 20,00 (due adulti insieme a 1,2 o 3 ragazzi dai 12 ai 18 anni)

Gratuito – minori di 12 anni, diversamente abili con un accompagnatore, giornalisti, un accompagnatore per gruppo, due accompagnatori per scolaresca.

Prenotazione e acquisto online: www.ticketone.it

Per la visita congiunta alle Grotte

supplemento € 2,50

 

Fonti: Ministero per i Beni e le Attività culturali, Regione Marche, Città di Osimo, Fondazione Don Carlo Grillantini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti