I russi tornano a fare shopping “Made in Italy”

Print Friendly, PDF & Email

Dopo circa tre anni di assenza i turisti russi tornano a fare shopping nel Bel Paese, questo è quanto emerge dall’analisi condotta da Global Blue, società leader di mercato per i servizi Tax Free Shopping, nel trimestre agosto-ottobre 2016. 

I dati evidenziano, infatti, una leggera ripresa – +2% – degli acquisti tax free effettuati dai viaggiatori russi nel periodo di riferimento, con uno scontrino medio sostanzialmente in linea con quello registrato nel 2015 e pari a 683 euro.

Tra agosto ed ottobre le vendite tax free sono state trainate principalmente dai turisti coreani: +10% sul 2015 con un budget di spesa media anch’esso in crescita sull’anno scorso: 663 euro (+2%).

Ancora in calo i turisti cinesi (-23%), flessione riconducibile a fattori sia esogeni che endogeni.

L’introduzione del visto con dati biometrici, l’indebolimento dei tassi di cambio verso l’euro a partire da marzo 2016, il rallentamento dell’economia interna e la paura di attacchi terroristici hanno inevitabilmente modificato il “trip behavior” di questa nazionalità. 

Nel trimestre agosto-ottobre, tutto quanto è Moda e Fashion, seppur in lieve flessione (-7%) sul 2015, ha mantenuto lo status di categoria merceologica più amata dai globe shopper (74%) con uno scontrino medio invariato rispetto all’anno scorso. 

Nel trimestre agosto-ottobre i turisti extra Ue hanno visitato le nostre città:

  • Firenze è stata la meta dei Russi (+9%), dei Coreani (+29%) e dei Giapponesi (+13%)
  • a Milano e a Venezia si è registrato l’incremento più alto in termini di scontrino medio dedicato al Fashion: rispettivamente del 2% e del 9%. 

A Milano il 64% dei viaggiatori internazionali ha acquistato Abbigliamento e accessori, con uno scontrino medio pari a 936 euro (+2% sul 2015) e ha amato passeggiare per le vie del Quadrilatero della Moda (51%).

Nei tre mesi di riferimento la città meneghina ha registrato un incremento del 13% degli acquisti tax free dei turisti giapponesi, che hanno ancora una presenza minoritaria nel nostro Paese. 

Anche a Roma i capi più fashion del momento hanno rappresentato il desiderio più ambito (+71%) con uno scontrino medio pari a 776 euro in leggera crescita – +1% – rispetto al medesimo trimestre del 2015.

Le vie del centro restano le più amate per lo shopping e la città eterna è stata meta di acquisti soprattutto da parte dei globe shopper arabi (+5%) e americani (+2%). 

Nel trimestre agosto-ottobre Firenze ha visto il ritorno dei turisti russi che hanno fatto registrate un incremento degli acquisti tax free del 9% rispetto al 2015.

Fra Ponte Vecchio e Piazza della Signoria confermano il trend positivo di shopping i turisti coreani (+29%) e quelli giapponesi (+13%).

Queste due nazionalità, seppur con un peso minoritario, stanno dimostrando di apprezzare particolarmente il nostro Paese. 

Venezia è la città che insieme con Milano ha riportato l’incremento più alto – +9% – in termini di scontrino medio dedicato ai capi più fashion del momento.

Le vie del centro restano le più amate per lo shopping trainato principalmente dai turisti giapponesi (+13%), seppur abbiano un peso di minore entità rispetto alle altre nazionalità. 

 

Fonti:
L’analisi dei dati è stata realizzata da Global Blue

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti