L’Oman e i suoi deserti

Print Friendly, PDF & Email

L‘Oman si apre al mondo tra mille paesaggi: le aspre e spettacolari montagne del massiccio Hajjar sono circondate da valli, oasi e villaggi che precedono la vasta distesa desertica con altissime e dorate dune di sabbia .

Il Sultanato è costituito per l’80% da deserto: le principali distese di sabbia sono il Rub’al-Khali e Sharqiyah Sands.
Il Rub’al-Khali,chiamato “quarto vuoto”- a causa della sua estensione, che copre un quarto della penisola arabica – copre una superficie superiore a quella della Francia e non è ancora interamente esplorato.

Scevro da strutture ricettive, inclusi campi tendati fissi, questo deserto può essere scoperto grazie ad escursioni con pernottamento in campi mobili nel deserto da ottobre ad aprile – uno dei modi migliori per apprezzare a fondo la bellezza del luogo.
deserto omanita

Tra le tappe da non perdere nella visita al Rub’al-Khali ci sono i quattro siti della “via dell’incenso” Patrimonio Mondiale UNESCO: 

  • gli alberi d’incenso di Wadi Dawkah;
  • i resti dell’oasi carovaniera di Shisr (alle porte della città perduta di Ubar);
  • le rovine archeologiche dell’antica Sumhuram, che sovrastano la laguna e l’antico porto di Khawr Rori;
  • il museo dell’incenso e annesso sito archeologico, fra i più interessanti dell’Oman.
    Wahiba Sands

Il cuore del paese è la grande distesa sabbiosa di Sharqiyah Sands, conosciuta anche come Wahiba Sands, dal nome della tribù beduina che vi abita.
A tre ore dalla capitale Mascate, è facilmente accessibile in giornata con escursioni in 4×4.
È possibile organizzare anche gite di più giorni attraversando il deserto – da nord a sud – in due giornate.

Le notti si trascorrono nelle tende tradizionali oppure in moderni e lussuosi accampamenti corredati di ogni comfort: acqua calda, wifi e tante attività proposte come passeggiate sulle dune, quad, e dune bashing, ovvero uscite con dromedari che riescono ad inoltrarsi là dove gli autoveicoli non possono giungere.

Situata nel punto di incontro delle piste dei carovanieri del Nord e del Sud e antica capitale del paese, Nizwa è composta da antichi edifici, fra cui spicca la grande fortezza portoghese che domina la città e ospita un museo di storia e artigianato omanita.

nizwa
Molto affascinante è anche il suk con il tradizionale artigianato beduino, tipico delle tribù nomadi, popolazioni molto ospitali che custodiscono le proprie tradizioni e si dedicano al lavoro stagionale della coltivazione della palma da dattero, alla raccolta dei cereali, all’allevamento del bestiame.
Gli uomini appartenenti alle diverse tribù si distinguono per il colore del turbante e per il modo di indossarlo.
Anche le donne indossano abiti estremamente colorati, con pantaloni ricamati e scialli a motivi indiani o africani, che consentono di identificarne l’appartenenza tribale.

Fonti: mslgroup.com

Potrebbe interessarti anche:

Petra, Siq

Petra, Siq

https://www.tgtourism.tv/2016/03/giordania-le-meraviglie-del-regno-della-regina-rania-in-un-click-13515/

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti