Si chiude la serie tv “I Medici: Masters of Florence”, boom di turisti a Pienza

Print Friendly, PDF & Email

Si è conclusa con successo la serie tv “I Medici: Masters of Florence”, che ha provocato un indotto di turisti in Toscana, sui luoghi dei set tra Pienza, Firenze e la Val D’Orcia.

La fiction aveva registrato nella prima puntata 8 milioni di telespettatori, per assestarsi in chiusura su una media di 6/7 milioni di italiani.

Una serie di produzione internazionale, nonostante la critica per la maggior parte contraria, fortunata: le voci sembrano confermare la messa in onda di una seconda stagione, che vedrà protagonista Lorenzo il Magnifico – figlio di Piero il Gottoso e Lucrezia Tornabuoni, tra i personaggi principali della stagione appena conclusa.

E non è finita qui: la saga di questa storica famiglia fiorentina ha tenuto gli italiani incollati alla tv anche per la bellezza dei luoghi utilizzati come set nelle riprese.
I palazzi rinascimentali e i magnifici scorci sulla campagna toscana hanno incuriosito gli appassionati, che hanno voluto approfondire le loro conoscenze su questi siti storici.

Secondo l’Ufficio Turistico di Pienza, durante il ponte di Ognissanti è stato registrato il tutto esaurito sia a Montepulciano che in Val D’Orcia.

Di certo il weekend lungo ha largamente contribuito al flusso turistico, ma sta di fatto che moltissimi visitatori hanno chiesto informazioni sui luoghi utilizzati come set – il Palazzo Piccolomini di Pienza è la dimora fiorentina dei Medici nella fiction e le panoramiche sulla campagna toscana sono state girate in Val D’Orcia, solo per citarne alcuni – e sulle abitudini del cast, che ha soggiornato tra Montepulciano e la Val D’Orcia per tre settimane durante le riprese.

Potrebbe interessarti:

I Medici “Medici: Masters of Florence” i set della serie tv
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Un’Italia in Festival

Tanti gli appuntamenti, i concerti e le feste di strada pronti ad alimentare l’estate appena iniziata. Dalla Biennale di Venezia al Festival dei Due Mondi ...
Vai alla barra degli strumenti