“Storie dell’Impressionismo” in mostra a Treviso, da Monet a Renoir da Van Gogh a Gauguin

Print Friendly, PDF & Email

Una mattina, siccome uno di noi era senza nero, si servì del blu: era nato l’impressionismo

Pierre-Auguste Renoir


Fino al 17 aprile 2017 al Museo di Santa Caterina di Treviso sarà presente una grande mostra dal titolo “Storie dell’Impressionismo”.

Attraverso un percorso espositivo di 140 opere tra:

dipinti, fotografie e incisioni a colori sul legno

suddiviso in sei sezioni ripercorre non solo quel periodo che va dalla metà dell’Ottocento ai primissimi anni del Novecento, ma anche gli anni in cui con Ingres ad inizio Ottocento nasce un classicismo che sfocerà nella creatività degli artisti del Salon, fino ad arrivare a Delacroix ma anche a Van Gogh.

Le diverse sezioni della mostra che si concentrano sui grandi argomenti quali:

il ritratto, la natura morta, la figura e il paesaggio

non vengono considerati mondi indipendenti tra loro.

La mostra vuole piuttosto farci rivivere un’ esperienza storica in parallelo, confrontando l’impressionismo non solo con gli esponenti del Salon, al quale gli impressionisti rivoluzionari si opponevano, ma anche con la fotografia di Fontainbleau e con le incisioni su legno di Hiroshige e Hokusai, osservando come anche la cultura giapponese abbia influenzato la corrente artistica dell’impressionismo.

Grazie ai prestiti provenienti dai più importanti musei del mondo e da collezioni private 140 opere consentiranno al visitatore di ripercorrere attraverso sei sezioni una delle maggiori rivoluzioni artistiche di tutti i tempi:

  • Lo sguardo e il silenzio. Percorso del ritratto da Ingres a Degas a Gauguin
  • Figure sotto il cielo. Da Millet a Renoir
  • La posa delle cose. Da Monet a Cezanne
  • Un nuovo desiderio di natura. Da Corot a Van Gogh
  • L’impressionismo in pericolo. Monet e la crisi del plein-air
  • Come cambia un mondo. Gli anni estremi di Monet e Cezanne

Con un forte intento di natura didattica, un percorso espositivo di Marco Goldin per celebrare i vent’anni dalla fondazione di Linea d’ombra.

Una mostra storica che racchiude i motivi più distintivi della sua ricerca personale e di Linea d’ombra come strumento organizzativo.



INFORMAZIONI

“Storie dell’Impressionismo”
Museo di Santa Caterina. Treviso, Piazzetta Mario Botter, 1

Dal 29 ottobre 2016 al 17 aprile 2017

Orari:
da lunedì a giovedì: 9.00 – 18.00
da venerdì a domenica: 9.00 – 19.00
(dal 2 al 17 dicembre, il venerdì e il sabato la mostra è aperta dalle 9.00 alle 20.00)

Per info e prenotazioni:
TEL: 0422 429999
e.mail: biglietto@lineadombra.it

Biglietti:
Intero € 14,00
Ridotto € 11,00 studenti maggiorenni e universitari fino a 26 anni con tessera di riconoscimento, oltre i 65 anni, giornalisti con tesserino
Ridotto € 8,00 minorenni (6-17 anni)


Fonti:

www.lineadombra.it 

 

Potrebbe interessarti anche:

corto-maltese

“Hugo Pratt e Corto Maltese, 50 anni di viaggio nel mito”, in mostra a Bologna il cult dei fumetti che ha fatto la storia

04_divan-japonais-a

La Belle Époque di Toulouse-Lautrec in mostra a Torino

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti