Ponte dell’Immacolata, tra arte, storia e cultura eno-gastronomica ai “Musei del Cibo” di Parma

Print Friendly, PDF & Email

L’8 dicembre, per il Ponte dell’Immacolata apertura straordinaria dei Musei del Cibo di Parma per conoscere ed assaggiare i prodotti eno-gastronomici tipici della Food Valley.

Il circuito museale della provincia di Parma è dedicato a:

  • Parmigiano Reggiano
  • Pasta, Pomodoro
  • Vino
  • Salame
  • Prosciutto di Parma 

Il territorio parmense non significa solo arte culinaria e buona tavola ma è anche luogo d’arte, storia e tradizione:

dai Castelli e i parchi naturali ai ricordi musicali verdiani per un percorso suggestivo e ricco di sorprese. 

Grazie inoltre alla Musei del Cibo Card, acquistabile alle biglietterie e valida per un anno intero, si possono visitare a soli 9 euro tutti e sei i musei riuscendo ad esplorare l’intero territorio parmense:

  • Corte “Castellazzi” di Soragna (Museo del Parmigiano Reggiano)
  • Corte di Giarola (Musei della Pasta e del Pomodoro)
  • Rocca di Sala Baganza (location del Museo del Vino)
  • Castello di Felino (Museo del Salame)
  • Langhirano, dove ha sede nell’ex Foro Boario il Museo dedicato
  • Corte di Giarola, Museo del Vino e Museo del Prosciutto

Durante il 2016 i Musei del Cibo hanno riservato a tutti i visitatori eventi speciali, laboratori e visite guidate superando i 190.000 visitatori dalla data della loro apertura.

L’arrivederci è al 1° marzo 2017 per inaugurare una nuova stagione con un’offerta ancora più ampia e servizi su misura per famiglie, scuole e turisti nazionali ed internazionali.

Nel periodo di chiusura i Musei saranno disponibili per la visita di scolaresche e gruppi previa prenotazione.

 

Fonti: Binario Comunicazione

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti