“ARTEMISIA E LE ALTRE. Storie di donne, dipinte da Artemisia” in un ciclo di 5 conferenze

Print Friendly, PDF & Email

 

Giaele, Ester, Susanna Arianna, Cleopatra. Sono solo alcune delle donne dipinte da Artemisia Gentileschi (1593-1653), la grande artista italiana di epoca barocca che amava dipingere le donne, e che sono attualmente esposte nella grande mostra Artemisia Gentileschi e il suo tempo, al Museo di Roma a Palazzo Braschi fino al 7 maggio 2017.

Vicende più familiari, come ad esempio quella della Maddalena o forse di Giuditta, si uniscono in mostra a storie quasi inedite al grande pubblico, pur essendo ugualmente affascinanti e molto più attuali di quanto si possa immaginare.

Una breve lettura in chiave storico artistica delle tante protagoniste femminili ritratte verrà proposta nel ciclo di 5 incontri dal titolo “ARTEMISIA E LE ALTRE. Storie di donne, dipinte da Artemisia” – promossi da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e tenuti da un Curatore del Museo di Roma, con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura, a partire da giovedì 26 gennaio.

Gli appuntamenti sono gratuiti e aperti ai visitatori della mostra presenti nelle sale.

Un’occasione unica per scoprire e/o approfondire il talento di Artemisia Gentileschi e la sua straordinaria empatia nei confronti delle protagoniste di alcuni tra i quadri più belli esposti nelle sale.

APPUNTAMENTI

  • Giovedì 26 gennaio

La Bellezza ci salverà: Giaele, Ester e Susanna

(Curatore: Donatella Germano’)

  • Giovedì 2 febbraio

Sedotta (o quasi) e abbandonata: Arianna, Olimpia e Mut (moglie di Putifarre)

(Curatore: Federico De Martino’)

  • Giovedì 9 febbraio

La morte ti fa bella: Cleopatra e Lucrezia

(Curatore: Donatella Germano’)

  • Giovedì 16 febbraio

La Santità terrena: Maria Maddalena

(Curatore: Fulvia Strano)

  • Giovedì 23 febbraio

Giuditta, la vedova scaltra

(Curatore: Fulvia Strano)

Dal comunicato stampa di zetema.it

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti