La Spagna segreta

Print Friendly, PDF & Email

La natura può allestire spettacoli straordinari. Il palcoscenico è immenso, le luci strabilianti, le comparse infinite e il budget per gli effetti speciali illimitato.

Yann Martel, La vita di Pi

Chiudete gli occhi e pensate alla Spagna.

Quali sono le immagini che la vostra mente vi suggerisce?

La corrida, il flamenco, le eleganti strade di Madrid, la lunghissima Rambla e le opere di Gaudì a Barcellona, l’atmosfera piena di folklore e dall’allure arabeggiante dell’Andalusia, le spiagge di Ibiza e Formentera.

Ma la Spagna non finisce qui: non tutti sanno che questa terra nasconde dei paesaggi naturali sorprendenti e misteriosi, che meritano un viaggio interamente dedicato alla loro scoperta.

Vediamo quali sono:

  • Lanzarote – Lanzarote è l’isola più a est delle Canarie, e, nonostante sia formata da un terreno vulcanico che ricorda il paesaggio lunare, la vita si fa spazio al suo interno in modo sorprendente.

    Potrete ammirare l’effetto facendo un giro dei vulcani del Parco Nazionale di Timanfaya, visitando la Grotta dei Verdes – che racchiude una sorpresa al suo interno – o il Charco de los Ciclos, una laguna dai colori soprendenti.
  • Río Tinto – Questo luogo è stato scelto dalla NASA e dall’Agenzia Spaziale Europea come teatro di alcuni esperimenti, perché il bacino minerario di Río Tinto – Huelva – ricorda in qualche modo il pianeta Marte con i suoi paesaggi misteriosi: un fiume, delle rocce rossicce e poca vegetazione.

    Per conoscere la zona, è consigliata una visita del Parco Minerario di Riotinto, tra un viaggio in treno e una visita in miniera.
  • Bardenas Reales – un panorama inaspettato, perchè situato nella verdeggiante Navarra. Non tutti sanno che nella parte sud-orientale di questa terra si estendono 42.500 ettari semidesertici con formazioni, gole e rilievi che sembrano usciti da un film di fantascienza.

    A proposito di film, questo Parco Naturale è stato location del “La morte può attendere” con Pierce Brosnan.
    Si possono seguire gli itinerari segnalati a piedi, in bicicletta, a cavallo o con automezzi.
  • La Grotta delle Meraviglie – Un nome, un perchè!
    La grotta di Aracena si estende per più di 2 chilometri di lunghezza  – di cui 1,2 aperti al pubblico – dove è possibile contemplare diversi tipi di stalattiti, stalagmiti e colate.

    Un paesaggio sotterraneo per dimenticarsi del mondo esterno, passando dalla Sala della Cattedrale, la Cristalleria di Dio o il Bagno della Sultana, vi sarà illustrato e spiegato da una guida.
  • Le scogliere dei Paesi Baschi –  viaggiando sulla costa dei Paesi Baschi, vale la pena fermarsi  a Zumaia, Deba e Mutriku.
    Le scogliere di questa zona tolgono il fiato, per i loro 50 milioni di anni di storia geologica che l’azione del mare ci permette di vedere.

    Ideale ammirarle facendo un percorso di trekking sulla costa, o partecipando a una delle escursioni in mare che vi si organizzano.
  • Las mèdulas – Miniera d’oro scoperta e sfruttata in epoca romana, oggi è parte del Patrimonio Mondiale ed è decisamente un luogo da visitare, magari godendo dei giochi di luce che crea il tramonto sulle rocce.

    Consigliato cominciare la visita dall’aula archeologica, per fare poi una sosta al Belvedere della Orellán.
  • Spiaggia di As Catedrais – Una passeggiata in riva al mare in Galizia, tra gli archi di un’immaginaria cattedrale di pietra.

    Un paessaggio degno del quadro di un pittore surrealista, riposante e inquietante al tempo stesso.
    Nei mesi di luglio, agosto e settembre vi si può accedere solo su prenotazione, come pure durante le feste di Pasqua – tra marzo e aprile.
  • Caminito del Rey – Un tempo, questo sentiero di Malaga era considerato il più pericoloso del mondo. Oggi si può percorrere in tutta sicurezza, anche se chi ne soffre, dovrà fare i conti con le vertigini.

    Ma, a meno che la vostra fobia non sia davvero seria, quest’avventura vale assolutamente la pena viverla!

Info: spain.info

Potrebbe interessarti:

Northern Territory, la top ten dei luoghi da fotografare tra cascate e piscine naturali
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Pasqua 2018 in Puglia: buoni i dati di Trivago

Bari.  Le prime anticipazioni sull’andamento di Pasqua in Puglia arrivano dal metamotore di ricerca di viaggi Trivago che individua in Bari, Lecce e Alberobello le destinazioni più cliccate dai turisti nazionali e ...
Vai alla barra degli strumenti