Marrakech, regina dello Shopping… e dei ristoranti!

Print Friendly, PDF & Email

Marrakech, non è una novità, è tra le mete più amate del Mediterraneo.
Per il sole, l’atmosfera esotica, i colori, l’archittettura e il caratteristico souk, ma non solo: negli ultimi anni l’antica città marocchina è diventata una meta amatissima per lo shopping grazie alle sue inimitabili boutique, che mescolano ad arte le ultime tendenze europee con lo stile tradizionale del luogo.

Tanto vale cominciare con le botteghe artigianali del souk, uno dei più affascinanti e grandi mercati del mondo, che comprende ben ottomila negozi.
Che siate alla ricerca delle caratteristiche babbucce – disponibili in migliaia di colori e fantasie tipici dello stile locale – o dei caftani, accessori in pelle o passamanerie, perdervi in questo fantastico bazar è la cosa migliore che possiate fare, per arrivare fino alle botteghe più esclusive del quartiere Guéliz.

Per le babouches, gli indirizzi da segnare sono:

  •  Watla Aziz
    C’è l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda forme, colori e decorazioni, e i prezzi variano tra gli 8 e i 10 euro.

  • Quabil
    con le sue raffinate creazioni fatte con scampoli di stoffa di famosi stilisti.

Per chi è alla ricerca di un caftano, capo estremamente femminile e dall’eleganza senza tempo:

  • L’Ourika Boutique

La storica boutique amata anche dalla famiglia reale del Marocco.


I prezzi variano da pochi euro per i modelli industriali, fino ad arrivare a 8000 euro per quelli ricamati artigianalmente.
Una tunica in puro cachemire, costa sui 400 euro e una in lino ricamato sui 450.

Sempre nel souk, ha da poco aperto i battenti Gold&Coffee, che propone gioielli di raffinata fattura, lavorati in oro italiano e dal design berbero.

Tra le nuove tendenze, è da segnalare anche Original Marrakech, che propone il panier in foglie di palma.
Qui c’è la possibilità di personalizzare – sul momento – con scritte ad hoc i tradizionali cappelli intrecciati.

  • Sarah Maj
    è la boutique di una giovane designer, che propone capi dallo stile tradizionale”contagiati” dal gusto francese e dalle tendenze dei maggiori brand internazionali.

Splendidi i parka con ricami tradizionali, gli abiti da sera e le vestaglie in velluto, la quintessenza dello chic.

  • Joykech Bazar  – Rue Amsefah 12, Sidi Abdelazize
    è il piccolo store di Joao Ribeiro, creative director e fashion stylist trasferitosi in Marocco da oltre dieci anni.
    Per chi ama scovare pezzi unici dallo stile etnico e dall’ispirazione boho-chic,  con tocchi artigianali e custom made.
    Joao ricerca e recupera rarissimi tessuti vintage, sete e broccati da cui crea kimono, cuscini, borse e caftani ricamati che sono anche pezzi unici.
  • ArtC
    il visionario designer è un’autentica celebrità, e le sue particolarissime creazioni oltrepassano il confine tra moda e arte.


Con il suo stile unico, la sua lussuosa boutinque nel Gueliz si conferma uno dei nomi più interessanti e famosi della moda marocchina.

  • 33 Rue majorelle
    E’ il concept store più famoso della città, e offre una selezione di abiti, accessori, oggettistica per la casa, tappeti e molto altro, proponendo alcuni tra i più creativi designer, artigiani e produttori locali.


Decisamente l’indirizzo da non perdere a Marrakech, anche per il suo raffinato caffè.

La giornata di shopping vi ha fatto venire fame? Fermatevi ad assaporare  qualche specialità marocchina in piazza Jamaa el Fna, nel cuore della Medina: ogni banchetto vi stupirà con qualcosa di diverso.

Qualche altra idea:

  • Al Fassia, a Gueliz, presenta una vasta scelta della cucina locale, in un ambiente piacevole e raffinato.
  • La Foundouk, nella Medina, cibo eccellente e fantastica terrazza. Da provare!
  • Bo&Zin è un pò fuori dal centro di Marrakech, ma merita assolutamente una visita per il suo vario menù orientale, l’ottima musica e l’ambiente elegante.

  • Dar Yacout
    Di nuovo nella Medina, un ristorante magico in un palazzo antico, con musica dal vivo e un’atmosfera incantevole.

Info: dardarma.com

Potrebbe interessarti anche:

  L’Oman e i suoi deserti
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti