Bill Viola torna a Firenze con “Rinascimento Elettronico”

Print Friendly

“Rinascimento Elettrico” è il titolo della mostra di Bill Viola che torna a Firenze dopo tanti anni. Fino al 23 luglio il Palazzo Strozzi ospiterà la rassegna dedicata al maestro della videoart.

Nato nel Queens, New York, nel 1951, l’artista torna nella città toscana per collaborare con Arturo Galansino, direttore del Palazzo. E’ proprio a Firenze che Bill Viola ha mosso i primi passi, lavorando per la galleria d’avanguardia art/tapes/22.

Nel 1974 era soprannominato “il tecnico americano”, perchè esperto di videocamere e videotape, un tipo di tecnologia molto innovativa per l’epoca.
Quando arrivò a Firenze, Viola entrò evidentemente in contatto con il Rinascimento Italiano.  “Avevo capito presto che qui la storia era veramente parte del presente” ha detto l’artista a La Repubblica del 10 marzo.

Poi sarebbe andato in Giappone -un mondo tanto lontano quando opposto- dove avrebbe studiato l’alta definizione. Tuttavia, la memoria del passato torna nella mente del videomaker quando l’artista si imbatte nella “Visitazione” di Pontorno. E’ li che nasce l’idea di realizzare un video dedicato a quell’opera. “Uscendo mi domandai che cosa avesse fumato il pittore per dipingere quei rosa, per dipingere quegli azzurri incredibili. Sembrava avesse lavorato sotto l’effetto dell’LSD” ha detto l’artista.

Ed è così che nasce The Greeting. “Quando nasce un’opera -ha spiegato l’artista-, quando arrivi a vederla prima di farla è come avere una visione. Anzi è come risvegliarsi. Prima dormivi, dopo sei sveglio e finalmente vedi. Qualche volta avviene all’improvviso, qualche altra volta serve tempo. Qualche volta l’idea può nascere da una possibilità tecnica. Ti chiedi: cosa posso farci?”

Nasce così la raccolta di video che intende ricordare il patrimonio artistico del passato: “Catherine’s Room” per la Caterina da Sirna di Andrea di Bartolo, Emergence per il Cristo in Pietra di Masolino da Panicale, The Deluge per il Diluvio di Paolo Uccello.

Ciascun video è piuttosto lungo, per permettere un’attenta riflessione sull’opera considerata. 

Info utili

Titolo
Rinascimento Elettronico

Periodo
Fino al 23 luglio

Biglietti
12 euro (intero)
9,50 euro (ridotto)
8,50 euro per clienti di Banca CR Firenze e Gruppo Intesa Sanpaolo (valido anche per un accompagnatore)
 6,00 euro possessori biglietto Gallerie degli Uffizi
4 euro per i bambini dai 6 agli 8 anni
Gratuito per i bambini di età inferiore ai 6 anni

Orari
Dal lunedì al venerdì 9.00-13.00/14.00-18.00

Tel +39 055 2469600
prenotazioni@palazzostrozzi.org

Credits: Palazzo Strozzi, Firenze

Potrebbe interessarti:

Graffiti Digitale Autography STOP ai graffiti a Firenze: “Autography sulla Cupola del Brunelleschi”
Tutti fuori di taste a Firenze per l’italian food style
Print Friendly

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti