Dopo la distruzione, risorge l’antica città assira di Mosul dai tunnel dell’Isis

Print Friendly, PDF & Email
Mosul - Rilievi nei tunnel jihadisti Isis

Risorge l’antica città assira di Mosul dai tunnel scavati dai miliziani dell’Isis che avevano distrutto parte del museo archeologico. 

Un gruppo di archeologi iracheni ha scoperto iscrizioni e rilievi con figure e cerimonie religiose, risalenti al periodo assiro, in Mosul, Iraq. La scoperta è stata fatta nel roccaforte del sedicente stato islamico fino a poco tempo fa. Invece, ora è il luogo dove le truppe governative tentavano di cacciare gli uomini di Daesh dai quartieri occidentali.

L’inaspettato ritrovamento c’è stato all’interno di alcuni tunnel scavati dai jihadisti.

Paradossalmente, un atto di barbarie ha portato ad una scoperta scientifica molto significativa.

I rilievi sono unici nel loro genere perché raffigurano delle scene inedite. Sembra anche che siano stati trovati due Lamassu. Sono le statue a forma di toro alato che rappresentano le divinità, disposte all’ingresso dei palazzi o dei templi. Per questo motivo, sarebbe molto probabile che molto vicino ci fosse un tempio.

Gli esperti del British Museum difendono che i jihadisti abbiano scavato così a fondo che hanno raggiunto un tempio scolpito nella roccia. 

«Finora abbiamo visto solo foto di bassa qualità dei ritrovamenti, che sono comunque estremamente interessanti», ha detto Sebastien Rey, archeologo a capo del Programma per la gestione emergenziale del patrimonio lanciato dal British Museum. 

Mosul è una delle regioni più antiche al mondo. Anche perché è stata abitata in continuazione, possiede una grande quantità di testimonianze archeologiche. Prima o poi, in un modo o in un altro, ci saranno altri tesori da ritrovare.

Info: www.agi.it
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti