Il matrimonio è un antidoto alla vecchiaia

Print Friendly, PDF & Email

Se ti sposi vivrai meglio e più a lungo.

A rivelarlo uno studio scientifico della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, in Pennsylvania, pubblicato sulla rivista Psychoneuroendocrinology.

Secondo i dati rilevati dal campione, chi porta la fede al dito ha un livello di cortisolo -l’ormone dello stress- più basso rispetto ai divorziati, ai vedovi e ai single.

Per arrivare alla tesi finale sono stati raccolti vari campioni di saliva da 572 adulti tra i 21 e i 55 anni. Ciascun campione è stato monitorato per tre giorni e l’esito finale era lì a rivelare come gli sposati avessero un indice di cortisolo più basso.

Tutti gli altri mostravano i sintomi tipici di chi possiede l’ormone in quantità eccessive rispetto al valore normale: stanchezza, osteoporosi, colite, gastrite, pressione alta, macchie sulla pelle, depressione, ansia, apatia, indebolimento della memoria.

Il cortisolo raggiunge il suo livello più alto in mattinata al momento del risveglio per poi abbassarsi nell’arco del resto della giornata. Negli sposati gli adattamenti del cortisolo hanno rivelato effetti decisamente benefici per l’organismo. Al mattino il cortisolo scende rapidamente a un livello più basso.

“Si tratta di informazioni molto importanti per aiutarci a leggere il modo in cui le nostre relazioni sociali e intime possono influenzare il nostro stato di salute” -ha detto Sheldon Cohen, co-autore dello studio scientifico- “una crescita prolungata di questo ormone può anche interferire con la capacità del corpo di regolare le infiammazioni e promuovere la progressione di molte malattie come quelle oncologiche e cardiache” ha aggiunto.

Credits: Carnegie Mellon University

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti