Montalbano rilancia l’area Iblea

Print Friendly, PDF & Email

L’attore Luca Zingaretti in una foto di scena della nuova serie tv ‘Il commissario Montalbano’. 

Montalbano e la Sicilia: un connubio da un miliardo di telespettatori in totale.

Un successo che dipende non soltanto dall’eccellente scrittura di Camilleri e dalla bravura dei suoi interpreti, ma anche dalla bellezza paesaggistica che fa da contorno alle vicende del commissario. Quella casa di Vigata che si affaccia sull’azzurro infinito del Mediterraneo, è nota infatti anche all’estero, dal momento che la serie viene trasmessa in oltre 60 paesi, tra l’Europa e il resto del mondo.

Ed è proprio il successo televisivo de “Il commissario Montalbano” la scommessa turistica su cui punta la regione Sicilia e in particolare l’area Iblea che comprende Ragusa, Scicli e Modica, presente anche quest’anno alla Fiera internazionale di Berlino, la maggiore fiera e mercato d’affari, dell’industria del turismo.

Visti gli ascolti record delle ultime due puntate, l’assessore regionale Anthony Barbagallo e il presidente del distretto turistico degli iblei, Giovanni Occhipinti, sono decisi a puntare su azioni sinergiche con le istituzioni comunali e private, pur di superare la frammentazione e fare sistema.

Nella speranza che la fortuna della serie possa alimentare nuovi flussi turistici da un Paese, come quello tedesco, da sempre legato alla Sicilia, amante dei suoi paesaggi costieri e dei capolavori barocchi.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti