Mostre: nuova esposizione a Conegliano “Bellini e i belliniani”

Print Friendly, PDF & Email

L’influenza artistica di Giovanni Bellini è al centro della nuova mostra che si terrà dal 25 febbraio al 18 giugno 2017 presso Palazzo Sarcinelli a Conegliano.

La nuova esposizione rappresenta la tappa successiva dell’indagine sulle trasformazioni dei linguaggi della pittura veneziana e veneta negli anni tra Quattro e Cinquecento, iniziata nel 2014 con ‘Un Cinquecento Inquieto’  e proseguita nel 2015 e nel 2016 con ‘Carpaccio, Vittore e Benedetto’ e ‘I Vivarini’.

Mostra Bellini

Cristo portacroce di Giovanni Bellini © Accademia dei dei Concordi di Rovigo

Giovanni Bellini, conosciuto anche come il Giambellino, fu una figura innovativa nell’ambito artistico tra Quattro e Cinquencento.

I suoi dipinti ebbero grande successo e le sue innovazioni artistiche  ispirarono diverse generazioni di artisti. Punto di partenza,  la sua bottega: luogo di formazione per molti giovani artisti e collaboratori.

Chi erano questi artisti e collaboratori? Come si formarono, quale posto avevano nella produzione della bottega? Che cosa trassero e che cosa a loro volta tramandarono dalla frequentazione e dalla stessa collaborazione con un artista-intellettuale tanto sublime per pensiero e per invenzione, per tecnica e non meno che per precisione formale?

La mostra prende le mosse da queste domande e trova nella raffinata collezione dell’antica e prestigiosa Accademia dei Concordi di Rovigo lo spunto per tracciare una sorta di mappa (ipotetica e virtuale, ma supportata da una eletta serie di dipinti) del milieu belliniano o, almeno, di una parte significativa e originale di tale universo d’uomini e di capolavori.

Due i capolavori di Bellini in mostra: la Madonna col Bambin Gesù e il Cristo portacroce . Le due opere sono messe a confronto con i lavori di altri artisti, collaboratori e seguaci tra cui, Palma il Vecchio, Dosso Dossi, Tiziano, e il Tintoretto, giungendo a maestri tedeschi e fiamminghi (come Mabuse e Mostaert) per sottolineare la centralità di Giovanni Bellini rispetto a uno scenario non solo veneziano e veneto (come ben aveva capito nei suoi passaggi veneziani Albrecht Dürer).

All’interno di questo contesto narrativo ed espositivo si  collocano nomi e personalità molto diverse, come: Marco Bello, Andrea Previtali, i Santacroce, Luca Antonio Busati, Pasqualino Veneto, Jacopo da Valenza, Nicolò Rondinelli. Si tratta di personalità artistiche accomunate da una più o meno intensa frequentazione di Giovanni Bellini e del suo atelier: assistenti che hanno lavorato al suo fianco nelle grandi imprese; aiuti che hanno replicato le più fortunate tavole destinate alla devozione privata; artisti partiti da cartoni della bottega, che hanno poi continuato la loro ricerca in autonomia di ispirazione e di linguaggio.

L’esposizione si sviluppa secondo una sequenza tematica che si dispiegherà nel percorso delle sale di Palazzo Sarcinelli:

  1. L’alba del Rinascimento;
  2. Madonne con il Bambino;
  3. Devote meditazioni (3a. Circoncisioni e mistici matrimoni; 3b. Santi attorno al trono);
  4. Imago Christi;
  5. Suggestioni dal Nord;
  6. Metamorfosi;
  7. Teste e ritratti.

La mostra vuole essere un’occasione per interrogarsi sull’eredità belliniana, ricostruendo con originalità una rete di rapporti e connessioni, mettendo in luce il raffronto possibile tra storie e opere, protagonisti e comprimari su palcoscenici diversi e alternativi e tuttavia legati da analogie e contiguità logiche e strutturali.

Credits:

Bellini e i belliniani è una mostra  promossa dal Comune di Conegliano e da Civita Tre Venezie

Curatori: Giandomenico Romanelli e Franca Lugato

 

Informazioni utili:

Orari :

•         martedì, mercoledì e giovedì 10.00 – 18.00

•         venerdì 10.00 – 21.00

•         sabato e domenica 10.00 – 20.00 la biglietteria chiude 30 minuti prima chiuso il lunedì

Aperture straordinarie:

•         domenica 16 aprile (Pasqua)

•         lunedì  17 aprile (Lunedì dell’Angelo)

•         martedì 25 aprile

•         lunedì 1 maggio,

•         venerdì 2 giugno

Biglietti:

•         intero 11,00 euro

•         ridotto 8,50 euro studenti, adulti over 60, convenzioni

•         gruppi 7,00 euro gruppi da 10 a 25 persone

•         scuole 4,00 euro

•         famiglia 22,00 euro nucleo familiare formato da due adulti e un minorenne (dal secondo minorenne in poi 6,00 euro)

•         gratuito bambini fino ai 6 anni, disabili con accompagnatore, guide turistiche, due accompagnatori per classe e un accompagnatore per gruppo, giornalisti previo accredito

Visite guidate in mostra Per gruppi da 10 a 25 persone:

•         visita guidata in italiano 100,00 euro

•         visita guidata in inglese 120,00 euro Le visite guidate sono effettuate con l’ausilio

Per maggiori dettagli e prenotazioni:

Tel. + 39 04381932123

Sito: www.mostrabellini.it

 

Fonte: dal comunicato stampa sul sito www.mostrabellini.it

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti