Plautilla Nelli in mostra agli Uffizi: le donne si riprendono il loro posto nell’arte

Print Friendly, PDF & Email

 

Si è da pochi giorni celebrato l’8 marzo, quella ricorrenza che il 2017 ha battezzato non più come una festa, ma come una giornata di sciopero e rivendicazione dei diritti dell’altra metà del cielo, che per millenni, così come oggi, è sempre stata nascosta al mondo, per lasciar posto al potere e all’impronta degli uomini nella società: la donna.

Come in tutti gli ambiti della vita, così è stato anche nell’arte. Talentuose pittrici, donne che tanto hanno avuto da dire e raccontare con la loro creatività, il loro genio, la loro sensibilità, sono rimaste per secoli nascoste. Il rinascimento è sempre stato ricondotto all’elevatura maschile.

Le cose stanno cambiando ora. Da una ventina di anni la comunità mondiale vive la positiva pressione degli studi di genere che stanno letteralmente riportando in auge straordinarie donne che hanno fatto la storia. Anche nell’arte. Restituendo al mondo femminile ciò che gli è sempre stato tolto.

Su questa scia le Gallerie degli Uffizi di Firenze hanno voluto dedicare una rassegna di mostre dedicate alle donne che seppero distinguersi nel campo delle arti. Come Plautilla Nelli, pittrice fiorentina del Cinquecento, che ha coltivato il suo talento tra le mura conventuali.

Le sue opere al tempo del Vasari, erano disseminate nei conventi e nelle dimore fiorentine. Lei è al centro dei nuovi studi di genere e della mostra monografica allestita, alla Gallerie delle Pitture e delle Statue degli Uffizi, fino al prossimo 4 giugno: Plautilla Nelli. Arte e devozione in convento sulle orme di Savonarola

Entrata poco più che bambina, a 14 anni, nel convento domenicano di Santa Maria in Cafaggio, è stata fervente interprete della poetica figurativa tridentina, ispirata al magistero di Girolamo Savonarola nel campo delle arti e al nuovo modello disciplinato di santità femminile della riforma tridentina.

All’interno del convento, divenuta priora, fu a capo di una bottega artistica, aiutata da consorelle che divennero sue allieve, con le quali dipinsero e diffusero immagini sacre dimostrando da subito grandi doti professionali.

Quattro dipinti costituiscono il fulcro di tutta la mostra su Palutilla, rappresentanti l’immagine della Santa domenicana, ritratta di profilo:

i ritratti di Santa Caterina di profilo partono tutti da una stessa base, vengono prodotti e diffusi, andando a stabilire un’iconografia fissa e a diventare una forma di predicazione pittorica. Una sorta di missione devozionale.

La vendita di queste opere divenne fondamentale per la vita del convento di Santa Caterina, all’indomani della riforma dei monasteri femminili emanata dai decreti tridentini (1566), riforma che sanciva la proibizione di ricercare beneficenze fuori delle mura conventuali.

“Pochi sanno che da ben più di cinque secoli Firenze è un vero e proprio centro per l’arte al femminile” ha spiegato Jane Fortune, fondatrice e presidente di Awa (Advancing Women Artists Foundation), organizzazione che ha contribuito alla realizzazione della mostra, promossa dal Mibact con Gallerie degli Uffizi e Firenze Musei e curata da Fausta Navarro.

“Le opere di artiste donne che abbiamo rintracciato e censito nei musei e chiese di Firenze sono più di 2.000. Sono una parte ‘invisibile’ della storia dell’arte, che necessita di essere restituita al pubblico. Plautilla Nelli ha aperto la strada ad altre donne della sua epoca e ha goduto di un successo senza precedenti. È l’ispirazione il vero stimolo della nostra missione: dare voce alle donne artiste del passato. Grazie a questa mostra, Nelli non sarà più tra le artiste ‘invisibili’”.

“Con la mostra dedicata a Plautilla Nelli non vengono soltanto posti i riflettori su una protagonista della pittura fiorentina del Cinquecento e della riforma e spiritualità savonaroliana” ha inoltre affermato Eike D. Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi, “ma, insieme alla monografica dedicata a Maria Lassnig, che aprirà il 25 marzo, instituiremo per gli anni a venire una serie di esposizioni dedicate alle donne artiste”.

 

Info utili
TITOLO
Plautilla Nelli
Arte e devozione in convento sulle orme di Savonarola
SEDE
Uffizi, Galleria delle Statue e delle Pitture
PERIODO
9 marzo – 4 giugno 2017
BIGLIETTI
Accesso alla mostra con il biglietto degli Uffizi
ORARIO
Martedì-domenica ore 8,15 – 18,50

 

Credits: Opera Laboratori Fiorentini – Civita

 

Potrebbe interessarti anche:

Roma, Boldini e il fascino della Belle Époque in mostra al Vittoriano
Vermeer e i maestri della pittura di genere in mostra al Louvre
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti