Roma, Centro Storico: è boom di “acchiappini”

Print Friendly, PDF & Email

2000 esercizi pubblici e 600 “acchiappini”, sono i numeri che consentono di spiegare il fenomeno sempre più noto del Centro Storico della Capitale, da Borgo Pio al Colosseo, da Trastevere a Campo de’ Fiori.

3000 euro lo stipendio di un acchiappino bravo. E bravo significa molto spesso aggressivo, petulante, maleducato, invadente. Sono i buttadentro dei ristoranti. I titolari dei locali ne richiedono sempre di più, ma li pagano in nero. Sono giovani trentenni ma anche padri di famiglia quarantenni, che col peso di più figli sulle spalle non sanno dire no ad offerte di lavoro così remunerative. 

Di fronte alle domande dei giornalisti appaiono schivi e reticenti. “Quanto prendo non lo dico” ti risponde un acchiappino del centro storico alla domanda “quanto quadagni?”. Un buttafuori di Roma, Marco, ha spiegato al Messaggero del 13 marzo: “o si ha un fisso, o si va a percentuale”. 

Così ecco svelato l’arcano. “Il contratto di lavoro vieta il lavoro a percentuale”, ha detto Fabio Spada, residente di Fipe Confcommercio. Questo porta ad un’evidente conclusione: i buttadentro vengono pagati in nero e a percentuale, il che spiegherebbe l’aggressività non solo verso i turisti e i cittadini ma pure verso gli altri buttadentro, sempre attenti a non invadere lo spazio altrui. 

E a proposito di spazio, gli acchiappini si contendono minacciosamente quello che di norma si definirebbe suolo pubblico. “Potrebbero stare solo nello spazio del ristorante, ossia dove il gestore paga l’occupazione di suolo pubblico” ha sottolineato Tatiana Campione, assessora al Commercio del I municipio. 

Il I municipio ha chiesto un’ordinanza a tal proposito. Lo scorso ottobre il Consiglio ha varato una mozione per chiedere alla prima cittadina, Virginia Raggi, un’ordinanza che stabilisca regole e sanzioni relative. La richiesta è stata rinnovata di recente con una lettera spedita al Campidoglio. Il Comune per il momento ignora la questione.

Info: Comune di Roma 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti