Roma, ospite dell’importante reperto appena recuperato dagli USA

Print Friendly, PDF & Email
Reperto della Testa dell'Imperatore Tiberio

Per la prima volta al pubblico, la sede del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale a Roma apre le porte. Il motivo: la straordinaria esposizione dell’ultima figura recuperata dagli USA.

Si approssima il primo G7 dei Ministri della Cultura, che si terrà a Firenze i giorni 30 e 31 marzo 2017. Il momento giusto per aprire la sede ed esporre il reperto: una testa in marmo, raffigurante l’Imperatore Tiberio, del I sec. d.C.

L’esame di una pubblicazione del 1926 sullo scavo archeologico del fabbricato antistante all’antico teatro romano di Sessa Aurunca, in provincia di Caserta, ha permesso di ottenere notizie sul recupero di quattro teste in marmo.

         Tra tutte loro c’era il ritratto dell’Imperatore Tiberio. Tempo fa era stato sottratto dal Museo della Torre di Capodiferro di Minturno, durante la seconda guerra mondiale. Dopo essere stato trasportato all’estero, è finito negli Stati Uniti. Nel 2004 è stato finalmente scoperto in una pubblicazione di un gallerista di New York. La restituzione della figura all’Italia, rimpatriata il 19 gennaio 2017, è stata fatta senza problemi.

L’importante reperto, patrimonio culturale nazionale, è il simbolo dell’impegno dell’Italia. La forza che, grazie allo sforzo sinergico del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Ministero della Giustizia, l’Avvocatura Generale dello Stato e l’Arma dei Carabinieri, pone in essere per custodirlo a favore dell’Umanità.

La scultura sarà di nuovo visibile dal 25 al 29 marzo 2017, dalle ore 10:00 alle 14:00, presso la sede del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale.

Info: www.carabinieri.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti