L’arte e la cultura spingono il turismo sempre di più

Print Friendly, PDF & Email

 

Dall’Osservatorio di Confturismo Piepoli relativo al mese di febbraio 2017, emergono dati positivi per il turismo in Italia: l’indice di fiducia continua a crescere fino a a raggiungere un valore pari a 64 punti.

Il risultato è positivo, non solo perché si registra un aumento continuo dallo scorso mese di dicembre, ma anche perché l’incremento è evidente rispetto ai mesi di febbraio del 2016 e del 2015.

Il valore dell’indice è infatti passato da 60 punti nel mese del febbraio del 2015 fino agli attuali 64 punti.
Nei prossimi tre mesi, la motivazione di viaggio principale degli Italiani rimane quella di visitare musei, monumenti o mostre come afferma il presidente di Confturismo-Confcommercio, Luca Patanè “Il turismo artistico e culturale continua ad essere in cima alle preferenze degli italiani e per tale ragione è bene valorizzare sempre di più questo nostro patrimonio italiano”.

L’Italia continua a rimanere la meta preferita. Quasi quattro Italiani su cinque hanno intenzione di recarsi nel Bel Paese per trascorrere le proprie vacanze: Toscana, Lazio e Lombardia sono in cima alle preferenze e si evidenzia che per tutte e tre le Regioni, la motivazione principale di viaggio è quella culturale.

I prossimi mesi sono caratterizzati da vacanze relativamente corte, in media 3,4 notti per viaggio, in leggera diminuzione rispetto all’ultima rilevazione. Oltre un Italiano su due, che viaggerà nel prossimo trimestre, trascorrerà fuori casa 3 notti o più.

A livello di mete estere che gli Italiani vorrebbero visitare nel 2017, la Spagna è in testa alle preferenze, con circa il 15 per cento. In seconda posizione ci sono gli Stati Uniti, seguiti dal Regno Unito, Francia e Grecia.

In termini di turismo ricettivo, gli Italiani pensano che l’arrivo del Presidente Donald Trump alla Casa Bianca possa portare ad una diminuzione del flusso di turisti americani nel nostro Paese.

Vediamo la rilevazione nel dettaglio:

  • L’indice di fiducia del viaggiatore italiano, elaborato da Confturismo-Confcommercio in collaborazione con l’Istituto Piepoli, registra nella rilevazione di febbraio una crescita, fino a raggiungere 64 punti, un valore ampiamente sufficiente.
  • L’indice, risultato di un algoritmo che combina le risposte date ad una serie di domande sulle abitudini e sulle previsioni di viaggio, evidenzia una continua crescita nell’ultimo trimestre, indicando un clima di relativa fiducia.

Nel mese di febbraio, il valore registrato è stato dunque pari a 64 punti. La fiducia degli italiani è in crescita sia rispetto al mese di gennaio, che rispetto al febbraio 2016 e 2015, quando i valori erano rispettivamente pari a 62 e 60 punti.

Il contributo del turismo all’economia continua ad essere importante e si rileva come sia il turismo artistico-culturale a spingere tutto il settore. Per tale ragione è sempre più importante valorizzare il patrimonio artistico italiano.

L’importanza di questo segmento è evidenziata anche dall’indagine stessa:

  • La principale motivazione di viaggio degli italiani nei prossimi tre mesi rimane infatti la visita a musei, monumenti e mostre.
  • Un italiano su due mette in cima alle preferenza proprio questa motivazione di viaggio.
  • È da sottolineare la componente culturale rimane in cima alle preferenze degli italiani anche quando viene analizzata la singola meta di viaggio.
  • Toscana, Lazio e Lombardia sono le prime tre destinazioni per il prossimo trimestre e si evidenzia che per tutte e tre le Regioni, la principale motivazione di viaggio, è proprio quella culturale.
  • L’Italia continua a rimanere la meta preferita e quasi quattro italiani su cinque hanno intenzione di recarsi nel Bel Paese per trascorrere le proprie vacanze nei prossimi tre mesi.
  • I prossimi mesi sono caratterizzati da vacanze relativamente corte, in media 3,4 notti per viaggio, in leggera diminuzione rispetto all’ultima rilevazione di gennaio.
  • Oltre un italiano su due che viaggerà nel prossimo trimestre trascorrerà fuori casa 3 notti o più.

È interessante analizzare inoltre quali sono le mete straniere “sognate” dagli italiani per il 2017:

  • La Spagna è in testa alle preferenze, con circa il 15 per cento. In seconda posizione ci sono gli Stati Uniti, seguiti dal Regno Unito, Francia e Grecia.
  • Un ultimo punto di analisi è legato ai cambiamenti che si sono avuti negli ultimi mesi a livello politico, specialmente con l’elezione di Donald Trump come Presidente degli Stati Uniti d’America. In termini di turismo ricettivo, gli italiani pensano che l’arrivo del Presidente Donald Trump alla Casa Bianca possa portare ad una diminuzione del flusso di turisti americani nel nostro Paese.

Info: confcommercio.it

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti