Report TrekkSoft, le strategie delle organizzazioni di marketing di destinazione per il 2017

Print Friendly, PDF & Email

Secondo quanto riportato dalla recente ricerca di ​TrekkSoft​, fornitore di servizi software per tour e attività, il 56% delle organizzazioni di marketing di destinazione concentra il proprio budget su attività legate al digitale – e la maggioranza di esse prevede di aumentarlo nel corso del 2017.
Tra le 61 organizzazioni che hanno partecipato alla ricerca, il Nord America supera l’Europa del 7% in termini di spesa nel digitale attuale.

Tuttavia, nonostante il crescente passaggio al mondo online, il 73% delle organizzazioni afferma che è richiesto “un impegno considerevole” per mantenere la propria organizzazione​ ​rilevante dal punto di vista digitale. Nel 2016, l’insufficienza di tempo è stata la difficoltà incontrata dalle DMO nel contesto delle strategie digitali, seguita dalla continua sfida a rimanere rilevanti per il consumatore al momento della pianificazione del viaggio. Le organizzazioni prevedono che la mancanza di tempo sarà nuovamente una sfida nel 2017 ma – forse ottimisticamente – con un peso minore rispetto al 2016.

Secondo la ricerca, vi è una parola che si ripete ancora e ancora quando si parla delle modalità in cui le DMO possono suscitare interesse nei visitatori: le esperienze.

  • il 56% delle organizzazioni considerano le esperienze la “parte vitale” del loro marketing di destinazione,
  • il 37% afferma che sono “abbastanza importanti” e un “unique selling proposition” (proposta unica di vendita – USP) per la regione.

Nessuna organizzazione considera le esperienze essere “non troppo importanti”.

Il 65% delle organizzazioni nella ricerca afferma di avere attivato un sito web in grado di ricevere prenotazioni automaticamente processate online. Strutture ricettive e attività sono gli elementi che hanno maggior probabilità di essere prenotate online mentre i ristoranti sono considerati perlopiù come fonti di finanziamento.

I consumatori cercano ​esperienze, non più cose “da vedere e basta” quando viaggiano. Nel 2017, possiamo attenderci il riflesso di questo nuovo fenomeno sulle strategie delle DMO, che assisteranno i fornitori nel passaggio online, anche riproponendo le attività locali dei fornitori stessi nel loro sito web dedicato alla destinazione; attualmente soltanto il 15% delle DMO offrono prenotazioni in tempo reale delle attività, afferma TrekkSoft. Tra i casi di studio nel report di TrekkSoft, viene presentato il modello della DMO Fjord Norway, esempio di best practice nell’educazione e nella promozione dei fornitori e della loro collaborare a livello locale, regionale e nazionale.

Per il 49% delle organizzazioni, la fase della pianificazione del viaggio è il momento fondamentale per raggiungere i clienti potenziali. Tuttavia, considerato il crescente affollamento dello spazio online, le DMO sembrano trovare difficoltà a differenziarsi e spiccare rispetto ai giganti dell’industria, le OTA e i motori di ricerca e metasearch quando si tratta di impattare il travel customer journey. Le organizzazioni che percepiscono questi player  come concorrenti sono, infatti, meno di quelle che ci si aspetterebbe. Il 44% delle organizzazioni classifica Google tra gli strumenti che apportano valore piuttosto che come concorrente. Il 48% vede TripAdvisor come partner, il 51% è neutrale rispetto a Booking.com e agli altri siti di prenotazione delle attività come Viator.

Dal TrekkSoft Report 2017

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Malesia: nella terra di Sandokan

Terra di leggende e di culture diverse, la Malesia è uno stato federale dell’Asia sudorientale costituito da due Paesi in uno, separati dal Mar Cinese ...
Vai alla barra degli strumenti