Parma, Cézanne e Morandi a confronto alla Fondazione Magnani-Rocca

Print Friendly

Ciò che mi affascina è la forma, tanto è vero che tra i moderni ho scelto Cézanne e Morandi, che non hanno nessun contenuto.

Luigi Magnani, critico e scrittore

Parma, il piano superiore della Fondazione Magnani-Rocca ospita, per la prima volta in Italia, un’importante opera appartenente al famoso ciclo dei Bagnanti di Cézanne.

Cézanne, Museo Puskin

Prestito del Museo Puskin di Mosca, il quadro in questione è intitolato “Baigneurs”, e risale agli anni 1890-94.
L’arrivo della prestigiosa tela ha creato l’occasione per allestire un confronto, in tre sale, con le opere di un altro grande artista contemporaneo, Giorgio Morandi.

L’artefice della Fondazione Magnani-Rocca, Luigi Magnani, riteneva entrambi i nomi come delle fondamentali presenze per la sua collezione d’arte privata; già nel 1983, l’importanza dei due pittori era manifesta negli intenti della mostra “Da Cézanne a Morandi e oltre”, allestita nella Villa di Mamiano, ancora abitata dal collezionista.

Tra Cézanne e Morandi, in effetti una chiave di lettura comune c’è: la ricerca nella meditazione sui paesaggi e l’analisi spaziale delle nature morte, contraddistinte da pochi soggetti e da un’attenta osservazione del lento mutare della natura. 

Lopera di Cézanne prestata dal Museo Puskin mostra un nuovo scorcio della contemporaneità, privo di una qualsiasivoglia connotazione temporale.
Le figure maschili, si articolano in una danza geometrica, creando due triangoli e due diagonali che si incontrano; una simmetria di corrispondenze che coinvolge anche la natura circostante, dove gli alberi riflettono le stesse posizioni umane.
La pennellata lascia volutamente un’impressione di incompletezza, ma la solidità architettonica si evolverà creando immagini sempre più potenti, sino alle ultime versioni delle bagnanti femminili, visioni che hanno influenzato radicalmente i protagonisti delle avanguardie artistiche, tra cui il Cubismo, e della pittura di ricerca, tra cui Morandi.

Cézanne/Morandi
La pittura è essenziale
Fondazione Magnani-Rocca, via Fondazione Magnani-Rocca 4, Mamiano di Traversetolo (Parma).
Mostra focus a cura di Stefano Roffi.
Dal 22 aprile al 10 settembre 2017; aperto anche tutti i festivi. Orario: dal martedì al venerdì continuato 10-18 (la biglietteria chiude alle 17) – sabato, domenica e festivi continuato 10-19 (la biglietteria chiude alle 18). Aperto il 25 aprile e il 2 giugno.
Lunedì chiuso, aperto lunedì 24 aprile e lunedì 1° maggio.

Info: studioesseci.net

Potrebbe interessarti:

Da Giotto a Morandi: apre a Perugia un “museo parallelo”

Print Friendly

copyright Riproduzione riservata.

I cibi della Pasqua

Il weekend di Pasqua si avvicina e gli Italiani pensano a rispolverare le tradizioni. Sono tantissimi i cibi classici della Pasqua e variano di regione ...
Vai alla barra degli strumenti