Booking.com svela i desideri dei viaggiatori per il 2017

Print Friendly, PDF & Email

 

 

Grazie una ricerca finanziata da Booking.com – che ha visto la partecipazione di 15 000 persone provenienti da 20 Paesi – sono state svelate le vere intenzioni dei viaggiatori che desiderano fare nuove esperienze di “primi viaggi” nel 2017.

Secondo la ricerca, 1 persona su 3 sta pensando di intraprendere nel 2017 un viaggio in solitaria mentre il 34% degli intervistati, appartenenti alla fascia 18-34, confessa di viaggiare di più per avere sempre foto nuove e interessanti da pubblicare sui social.

Viaggiare da soli

Viaggiare da soli è un trend in crescita

Il sondaggio di Booking ha rivelato che la sicurezza di sé acquisita dalle persone viaggiando darà il via a un nuovo trend di viaggi in solitaria nel 2017. Solo in pochi (il 6%) hanno riferito di aver fatto da soli il loro primo viaggio in assoluto, mentre il 52% lo ha fatto con la famiglia, l’11% con gli amici e il 10% con la scuola.

Viaggiare per la prima volta può spaventare, ma i due terzi (il 66%) delle persone credono che ne valga comunque la pena per visitare un posto nuovo e circa 3 persone su 5 (il 61%) sono convinte che i timori legati al partire per la prima volta verso una meta sconosciuta non erano necessari.

Dove vanno tutti questi viaggiatori solitari? La ricerca ha mostrato che l’80% sta organizzando viaggi all’estero in destinazioni lontane.

La top 10 delle mete più popolari nell’organizzazione di un viaggio da soli:

  1. Australia
  2. Stati Uniti
  3. Germania
  4. Austria
  5. Giappone
  6. Canada
  7. Cina
  8. Spagna
  9. Argentina
  10. Bahamas

I viaggiatori che hanno viaggiato da soli dicono di aver provato un senso di libertà (27%), di forte emozione (20%) e di felicità (12%), mentre solo l’11% ha ammesso di aver avuto qualche paura.

Millennial e social: un rapporto sempre più stretto anche nei viaggi

I social network influenzano le esperienze di viaggio

I social network giocano un ruolo chiave nella decisione di quale nuova meta visitare, o di dove andare la prima volta che si decide di uscire dal Paese natale; soprattutto nella fascia d’età tra i 18 e i 34 anni. Quasi la metà (il 44%) dei millennial conferma di avvalersi dei social per scegliere la prossima destinazione, e oltre la metà (il 55%) trae ispirazione da quanto visto sui vari network per pianificare nuove esperienze di viaggio.  

I giovani tra i 18 e i 34 anni sono i più influenzati a livello emotivo da ciò che vedono sui social: il 45% riferisce che scorrere la sezione delle notizie fa provare la sensazione che tutti stiano viaggiando tranne loro, mentre il 44% ammette di sentire di starsi “perdendo” le esperienze più belle. I risultati della ricerca di Booking rispecchiano anche la natura competitiva di questa generazione: il 46% degli intervistati dice di provare invidia nei confronti dei vari viaggi visti sui social e il 34% confessa di viaggiare di più e visitare più posti nuovi appositamente per poter pubblicare le foto sul social network preferito.

La popolarità dei social e la paura di “perdere occasioni” può causare la percezione, condivisa da quasi 3 persone su 5 (il 58%) tra i 18 e i 34 anni, di essere una generazione più incline all’avventura rispetto a quella precedente. È una tendenza che continua anche con l’avanzare dell’età: la sensazione di essere più coraggiosi riguarda il 54% delle persone tra i 35 e i 54 anni e il 50% di quelle oltre i 55 anni.

Alla ricerca di novità

I viaggiatori sognano avventure on the road

Viaggiare per la prima volta scatena l’animo avventuriero: 2 persone su 5 (il 43%) confermano che le loro prime esperienze all’estero hanno acceso in loro la voglia di provarne di nuove e diverse, anche per quanto riguarda il tipo di alloggio in cui soggiornare alla prossima occasione. Il 45% sta pensando di aggiungere un pizzico di avventura in più nei viaggi del 2017 e il 56% ha deciso di allontanarsi ancora di più da casa. 

Il ventaglio di prime esperienze che le persone vogliono vivere nel 2017 si sta allargando, spingendosi oltre la classica vacanza al mare o la visita a una nuova città: i viaggi on-the-road sono sempre più popolari (44% degli intervistati), seguiti dai tour ecologici (39%), dai viaggi spirituali (23%) e da quelli di volontariato (21%).

 

Fonte: booking.com

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti