Codacons: sanzioni immediate contro i prezzi civetta dei portali di viaggio

Print Friendly, PDF & Email
La sede della Commissione Europea

Dal dossier della Commissione Europea emerge che, su un totale di 352 portali di viaggio, 253 sono ingannevoli.

Siti che prendono in giro gli ignari utenti di internet, beffandoli sui prezzi.

Dossier CE

Dal dossier della Commissione Europea. Numero dei siti ingannevoli sul totale dei campioni.

Un terzo di essi – quasi tutti i compratori di volo come Volagratis, Kayak.com, eDreams e la loro fitta rete di portali intermediari come Travelgenio – propongono prezzi più bassi rispetto al momento della prenotazione finale, con rincari fino al 50%.

Tutto a causa di commissioni, costi vari e balzelli assurdi che fanno lievitare ingiustamente la spesa per i consumatori.

Così “quando un utente si mette sul web alla ricerca di una vacanza, di un volo aereo o di un albergo, diventa preda di offerte finte, specchietti per le allodole e tariffe ingannevoli” – spiega Carlo Rienzi, presidente del Codacons (Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori).

La Commissione Ue ha invitato i siti web in questione ad allineare le loro pratiche alla normativa dell’UE in materia di protezione dei consumatori, imponendo loro di garantire la piena trasparenza dei prezzi e di presentare chiaramente le offerte in una fase iniziale della procedura di prenotazione.

Un intervento giudicato positivo dal Codacons, ma che non basta.

Occorre subito sanzionare i siti scorretti che creano un illecito arricchimento per gli operatori.

“Per tale motivo riteniamo insufficiente l’opera di “moral suasion” annunciata dalla Commissione, e riteniamo indispensabile elevare da subito sanzioni nei confronti degli operatori scorretti, perché solo così sarà possibile rendere realmente trasparenti le offerte dei vari siti”.

Fonte: Ufficio Stampa Codacons

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti