Paradiso e dissacrazione nella mostra dedicata a David LaChapelle

Print Friendly, PDF & Email
David LaChapelle

Fino al 10 settembre 2017, Casa dei Tre Oci di Venezia ospita l’universo surreale, barocco e pop di David LaChapelle, uno dei più importanti e dissacranti fotografi contemporanei. 

La mostra, intitolata “Lost&Found”, propone oltre 100 immagini che ripercorrono la carriera dell’artista statunitense.

Dai primi progetti in bianco e nero degli anni ’90 fino ai lavori più recenti, solo a colori.

Opere divenute in gran parte iconiche e che gli hanno garantito un riconoscimento internazionale da parte di critica e pubblico.  

Come le fotografie che ritraevano le celebrità, da Michael Jackson a Hillary Clinton, da Muhammad Ali a Madonna,  da Uma Thurman a David Bowie.

Immagini che denunciano le ossessioni contemporanee, il rapporto con il piacere, col benessere, con il superfluo e con una sfrenata esigenza di apparire, in pieno stile warholiano.

Il tutto ammantato da colori elettrici e superfici laccate, e caratterizzato dalla presenza ricorrente di un nudo sfacciato e aggressivo. 

Nella seconda fase della sua carriera, LaChapelle abbraccia la monumentalità e la grandiosità del Rinascimento italiano, dopo essere rimasto folgorato dagli affreschi di Michelangelo nella Cappella Sistina.

Proprio il “Diluvio Universale” gli suggerì la creazione di “The Deluge” (Il Diluvio), in cui i rimandi al capolavoro michelangiolesco si mescolano ai marchi della società consumistica e alla bellezza ostentata dei corpi nudi.

La monografica prosegue poi con “After the Deluge”, fotografie che mostrano una realtà in cui tutti gli oggetti e i simboli del mondo attuale vengono sommersi, e “Awakened”, in cui ritrae persone immerse in acqua in uno stato embrionale: una sorta di resurrezione dopo il diluvio. 

Awakened

Awakened

Novità all’interno della mostra, l’anteprima mondiale di “New World”, una nuova serie realizzata dall’artista negli ultimi 4 anni.

18 fotografie che segnano il ritorno alla figura umana e che ruotano attorno a temi come il paradiso e le rappresentazioni della gioia, della natura e dell’anima. 

Credits: Reiner Opoku, Denis Curti, Fondazione di Venezia e Civita Tre Venezie.

Informazioni:

“Lost&Found”

Casa dei Tre Oci, Venezia

Dal 12 Aprile 2017 al 10 Settembre 2017

Biglietti: Intero 12 € | Ridotto 10 €

Tel: 199 757519 – +39 041 2412332/ e-mail: info@treoci.org

Sito: www.treoci.org

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti anche:

Le opere di Damien Hirst in mostra a Venezia dal 9 aprile al 3 dicembre
Venezia e il Rāmāyaṇa: in mostra fino a settembre
A Venezia Pablo Echaurren rilegge Marcel Duchamp

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti