Pasqua a tutto uovo!

Print Friendly, PDF & Email

La Pasqua si avvicina e anche quest’anno a non mancare sulle tavole degli italiani saranno le uova. 

Dal fondente, al latte o nocciolato: in tutte le salse possibili l’uovo resta un caposaldo della festa.

Non solo per i bambini, ma anche per gli adulti, la sorpresa è per tutti. Un rituale che ogni generazione ha ripetuto per anni. 

Anche se la diamo per scontata, si tratta di una tradizione antica di secoli. Le prime origini delle uova legate alla Pasqua risalgono al Medioevo, quando la comunità cristiana vedeva nell’alimento il simbolo della nuova vita e della resurrezione. 

E’ nel ventesimo secolo che prende piede la prassi di sostituire le uova vere con quelle di cioccolato, con all’interno la classica sorpresa. 

Peccato che oggi la produzione delle uova sia diffusa soprattutto in chiave commerciale, ne troverete di tutti i tipi negli scaffali dei supermercati. Un tempo invece, la loro preparazione era appannaggio esclusivo dei maestri artigiani che con elegante maestria producevano veri e propri capolavori. 

Per fortuna la maestria dei grandi pasticceri non si è ancora perduta del tutto. Le botteghe fanno tuttora a gara per creare uova particolari, con decorazioni di ogni genere. 

Si tratta di una tradizione assai radicata, che oltrepassa i confini nazionali per approdare soprattutto in Francia, dove esiste persino la caccia all’uovo nel giorno di Pasqua, una tradizione molto amata dai bambini. 

Per chi invece preferisse l’uovo vero a quello di cioccolato, tantissime sono le sue possibili vesti. 

Già nell’undicesimo secolo c’era Trotula De Ruggiero a suggerire l’utilizzo del tuorlo come prodotto per la cura del cuoio capelluto. Nel 400 Caterina Sforza usava l’albume come maschera nutriente per il viso. 

Le maschere e gli impacchi sono attualmente ritornati in voga e a pubblicizzarli sono soprattutto le modelle e le celebrità, da Juliette Binoche a Freida Pinto.
L’uovo del resto presenta importanti proprietà benefiche, favorisce la riparazione dei tessuti e il ricambio cellulare, ad esempio. Le proteine dell’uovo sono naturali antiossidanti e idratanti. 

L’albume ha addirittura effetti stringenti, schiarenti e leviganti. 

Se poi all’uovo unite qualche goccia di limone, otterrete un ottimo prodotto per contrastare l’acne e i punti neri. Potrete usare questo composto anche come anti-rughe, o per combattere le macchie cutanee. 

Per creare una maschera idratante c’è anche un altro celebre rimedio della nonna. Basta sbattere il tuorlo e aggiungere lentamente qualche cucchiaio di olio d’oliva, un cucchiaio di miele, l’albume montato e il gioco è fatto. 

Ovviamente le proprietà dell’uovo non sono certo sfuggite ai grandi marchi della cosmetica. Il colosso coreano Too Cool for Shool, ad esempio, ha lanciato la Egg Collection, dedicata alla skincare basata sull’uovo: dalla maschera nutriente a quella tonificante, passando per i prodotti per i capelli. Ce n’è davvero per tutti i gusti. 

 

Uova e colombe di Pasqua, come scegliere la qualità
Pasqua tra cantine e castelli del Chianti

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti